Stampa
07
Set
2010

BILANCI 2009 : DUE SOCIETA' SU TRE IN UTILE

Pin It

Che la situazione non fosse tutta rose e fiori c’era da aspettarselo, ma i dati che emergono dall’analisi realizzata dal 'Centro Studi Economico e Finanziario ESG89' su un campione rappresentativo di top società di capitali relativo agli ultimi bilanci disponibili depositati al 30 giugno 2010 sembra non essere troppo rassicurante.
I dati sono meno preoccupanti del previsto, anche se i valori rimangono comunque mediamente più contenuti

rispetto a quelli degli anni precedenti la crisi economica. L’esame è stato realizzato su un campione rappresentativo composto da oltre 7.000 Top società di capitali, escludendo naturalmente le società finanziarie e gli Istituti di credito. Rimandando ad un’analisi più accurata che tenga conto anche dei prossimi portafogli ordine e del volume d’affari complessivo, il quadro d’insieme delineato, evidenzia uno scenario sostanzialmente in tinte grigie, dal quale si evince che solo il 64%, del campione ha chiuso l’ultimo esercizio con un segno più davanti alla ‘voce ultima’ del bilancio.
Due società su tre, in sostanza, sono tagliate fuori della spirale involutiva determinata dalla recessione. Alimentare, Trasporti, e Grande Distribuzione, sono senza dubbio i comparti economici che hanno risentito meno della flessione globale del mercato. I risultati più confortanti si registrano nel settore Alimentare, dove ben l’83% degli operatori ha conseguito un risultato d’esercizio positivo: su 552 realtà esaminate, 456 hanno fatto registrare utili incoraggianti.
Per quel che riguarda la GDO, invece, l’indice di redditività è pari al 73%, mentre il settore dei Trasporti, non proprio considerato come il fiore all’occhiello del nostro paese, è riuscito allo stesso modo a resistere all’epidemia causata dalla crisi economica: soltanto un operatore su tre presenta l’ultimo bilancio in rosso. Per oltre 1650 società è stato eseguito, inoltre, un raffronto con il valore della produzione relativo al precedente esercizio. Questo tipo di dato ci permette di valutare meglio l’impatto avuto nel corso dello scorso anno sul giro d’affari complessivo delle società. Solo per il 44% delle realtà esaminate vi è stato un incremento del volume d’affari rispetto al 2008. Proprio quest’ultima percentuale sembra raffigurare una situazione meno incoraggiante in termini di affidabilità e solidità per le nostre imprese.

(Centro Studi Economico e Finanziario Esg89 Group)