Stampa
05
Gen
2009

CANCELLATI GLI SGRAVI CONTRIBUTIVI AL CABOTAGGIO. SCONCERTO DEGLI ARMATORI

Pin It

La Confederazione Italiana Armatori manifesta grande sconcerto e delusione per il mancato rinnovo degli sgravi contributivi per le imprese operanti in cabotaggio nel decreto legge 30 dicembre 2008, n. 207, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 dicembre 2008 “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti”.
“A ragion veduta, non ci eravamo uniti al coro di sostenitori dell’ultima ora che hanno “cantato vittoria” sulla stampa – afferma Nicola Coccia, presidente di Confitarma – E’ inquietante, peraltro, dover constatare che, oltre all’assoluta incapacità del Ministero dei Trasporti di sostenere le richieste di imprese che svolgono servizi marittimi a carattere sociale e garantiscono la continuità territoriale del Paese e la mobilità di cittadini che vivono in località disagiate, siamo di fronte alla totale mancanza di una politica marittima, proprio in un Paese come l’Italia ove il trasporto via mare è fattore strategico di sviluppo”.
Infatti, il Ministero dei Trasporti non è riuscito a mantenere la misura che pure figurava nella versione al vaglio del Consiglio dei Ministri del 18 dicembre scorso, bocciata a seguito delle successive verifiche da parte delle strutture tecniche nonostante la norma risultasse coperta da fondi di competenza dell’Amministrazione marittima.
“Ciò testimonia la sensazione – prosegue Nicola Coccia – che, nonostante le reiterate manifestazioni di interesse del Presidente del Consiglio e di altri rappresentanti delle istituzioni, ad oggi non è stata identificata una politica di settore e sono state disperse competenze e specificità dell’Amministrazione marittima, punti di forza delle passate legislature.
E’ quindi quanto mai opportuno ed urgente un chiarimento con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti per capire se vi è l’intenzione di portare avanti una politica marittima per il paese soprattutto in un momento in cui le regole dettate dalla globalizzazione impongono di valorizzare i settori strategici dell’economia”.
Roma, 4 gennaio 2009