Stampa
25
Dic
2007

COECLERICI FINANZIAMENTO RECORD PER LE MINIERE DI CARBONE

Pin It

Il gruppo di Paolo Clerici, protagonista dei mercati internazionali per i servizi integrati al trasporto, alla movimentazione e alla commercializzazione delle materie prime, soprattutto del carbone, ha ottenuto da un pool di istituti di credito, nelle cui prime file spicca l'ex Cassa di risparmio genovese, un consistente prestito contrattato a tasso variabile.
L'imponente somma, 150 milioni di euro in sette anni, verrà destinata da Coeclerici al progettato acquisto di miniere di carbone nella Federazione russa, nonché a parallele iniziative di rafforzamento del proprio comparto logistico.
Oltre a Banca carige partecipano all'operazione la Unicredit banca d'impresa, Banca monte dei paschi, Centrobanca, Bnl, Antonveneta, Banco popolare di Lodi, Nataxis, la Banca popolare di Verona, Fortis Bank, la Cassa di risparmio di Parma e Piacenza e la Mps capital services. "L'operazione" ha dichiarato Clerici durante la presentazione della stessa "è un indice della solidità finanziaria del gruppo: a fronte di una richiesta iniziale di cento milioni abbiamo ricevuto dal pool bancario una somma più alta del cinquanta per cento".