Stampa
02
Nov
2009

EDILIZIA, UDINE IN PESANTE CRISI

Pin It

Sono quasi al collasso le imprese dell’ EDILIZIA-Costruzioni della Provincia di Udine: il 68% registra un calo di Fatturato per l’esercizio 2008 mentre per ciò che riguarda la redditività i dati sembrerebbero più incoraggianti. Tali elementi sono stati evidenziati dal “ Centro Studi Economico e Finanziario ESG89”, tramite un approfondito screening condotto in provincia e riferito a un campione di 28 top companies. Dalle informazioni riguardanti queste ultime emerge poi un altro elemento allarmante, ovvero la percentuale di aziende il cui rapporto Oneri Finanziari-Fatturato risulta essere superiore al 3%: ben il 36% (nel 2007 era pari al 28%)
In questo momento così delicato per l’economia italiana e, nello specifico, per quella friulana, ci sarebbe un impellente bisogno di spalle larghe e robuste, di gruppi in grado di camminare solo con le proprie gambe; e invece sono sempre più numerosi gli imprenditori alle prese con fenomeni quali cassa integrazione, esuberi, chiusure e ridimensionamenti, a dimostrazione di come non sia compito da poco reggere ai contraccolpi della congiuntura globale che da un anno imperversa senza tregua. Oltre che fornire un quadro generale dell’andamento economico del comparto EDILIZIA-Costruzioni nel comprensorio udinese, il ‘Centro Studi Economico e Finanziario ESG89’ ha perciò cercato di individuare quelle aziende che sono riuscite a evitare il pericolo di caduta in questo momento così delicato, adoperandosi al meglio per non precipitare nella situazione di stallo che affligge molte altre realtà della filiera industriale.
Tra le più performanti, si pone senza dubbio in rilievo RIZZANI DE ECCHER Spa  di Pozzuolo del Friuli: ammonta a ben 318.920.137 euro il giro d’affari realizzato dall’azienda nel 2008 e a 15.788.126 euro l’Utile Netto. Configurandosi come uno dei maggiori gruppi italiani nel settore dell’ingegneria e delle costruzioni e forte di un organico di oltre 2.000 dipendenti, è inoltre attiva sui mercati internazionali come Filippine, Singapore, Cina, Russia, Canada, USA e Inghilterra. Niente nuvole all’orizzonte anche per ICOP Spa ( di Basiliano, con quasi un secolo di storia alle spalle e dal 1992 introduttrice in Italia delle tecnologie del microtunnel: per il 2008 l’azienda raggiunge un trend di Fatturato pari al +13% e al +59% quello sul valore della redditività. Bene anche SIMCO TECNOVERING Srl di Magagna, facente parte del GRUPPO SIMEON (www.grupposimeon.it), operante nel campo delle costruzioni in acciaio e della prefabbricazione a secco nel settore metallico in genere, con il +29% del Trend di Fatturato e del +151% sull’Utile Netto. In evidenza anche IMPRESA COSTRUZIONI DEL BIANCO Srl di Udine, che passa da un giro d’affari per il 2007 di 8.659.066 euro a 9.177.264 euro per il 2008 e da 432.506 euro a 668.773 per l’Utile Netto e CIVIDALE Spa di Tavagnacco con il +6% del Trend del valore della produzione e il +14% su quello della redditività.
 
 (ulteriori approfondimenti su annuarieconomici.it  e ottantanovenews.it ).