Stampa
13
Feb
2007

GENOVA, INCONTRO TRA OO.SS. E DIRETTORE GENERALE ELSAG-DATAMAT

Pin It
PER FIM CISL:  POSITIVO IL COSTANTE CONFRONTO CON L'AZIENDA, MA ANCORA NEGATIVO IL NOSTRO PARERE SULLA VALORIZZAZIONE DELL'AREA BANCHE

L'incontro di ieri mattina presso l'Associazione Industriali di Genova con il direttore generale Chiaravallotti di  Elsag-Datamat e le OO.SS. di categoria, ha visto l'approfondimento dell'integrazione della fusione tra le due società Elsag e Datamat, come voluto dalla stessa FIM già nel mese di luglio (in occasione della presentazione del complesso piano industriale delle società). E' stato comunicato ufficialmente che l'OPA su Datamat si è conclusa il 3 gennaio 2007, Finmeccanica ha acquisito il 98,55% delle azioni di Datamat, e l'acquisto delle azioni residue avverrà entro 4 mesi dall'8 gennaio 2007.
Il delisting di Datamat è stato effettuato il 9 gennaio 2007, durante il primo semestre 2007 saranno razionalizzate le ragioni sociali di Elsag e Datamat. L'azienda ha anche definito il primo livello dell'organizzazione confermando le aree di core business: automazione, sicurezza,  difesa,  logistica civile, servizi e informatica. Sono stati anche forniti i risultati del 2006, che sono in linea con gli obiettivi di budget espressi dall'azienda: ordini per 710 milioni euro, valore della produzione 60 milioni di euro, ebit 49milioni di euro, ros 8,2%.
A fronte di questi dati forniti dall'azienda, per la FIM Cisl afferma Claudio Nicolini, segretario generale FIM CISL Genova: "è positivo il costante confronto tra azienda e organizzazioni sindacali, anche se noi vediamo in modo negativo il progetto di valorizzazione dell'area banche in quanto l'advisor sta valutando le offerte ricevute. Crediamo infatti che un settore che ha ottenuto nel 2006 un 6% di ROS non vada assolutamente dismesso o venduto" - conclude Nicolini - "Auspichiamo che i tempi forniti dall'azienda sulla razionalizzazione delle ragioni sociali avvenga nei tempi previsti, entro il primo semestre 2007, in quanto le organizzazioni sindacali hanno pronta la piattaforma per la contrattazione di secondo livello da definire con la nascita della nuova società".