Stampa
26
Mar
2008

LE AZIENDE LIGURI CRESCONO IN FINMECCANICA

Pin It

Nella nota che accompagna il bilancio recentemente approvato da Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini commenta con comprensibilie soddisfazione i risultati ottenuti nel corso del 2007: l'utile cresce di un netto 49% passando dai 337 milioni di euro del 2006 a oltre 500 e questa impetuosa crescita si risolverà in un dividendo pagato agli azionisti di 41 centesimi di euro per titolo (il 17 per cento in più rispetto all'anno prima).
Giacchè l'azionista maggiore è il ministero del Tesoro, con il 33,72% del capitale azionario, questo vuol dire che allo Stato italiano, il 26 giugno (data prefissata per i pagamenti) andranno 58 milioni di euro. Inoltre gli ordini sono aumentati del 14 per cento, incrementando un portafoglio di oltre 39 miliardi di euro e l'organico ha ormai superato i seimila dipendenti.
Soprattutto sembrano godere di ottima salute le compagnie liguri di Finmeccanica: i comparti in cui operano Ansaldo energia, Selex communications, Elsag datamat, Selex sistemi integrati, Oto Melara e Mbda fanno registrare guadagni o pareggi e il settore trasporti fa segnare soltanto un meno un per cento rispetto ai risultati del 2006 grazie alla più che buona performance di Ansando sts, che argina quasi del tutto i cattivi risultati della Breda.

Fonte Cna