Stampa
22
Giu
2007

ìLE CENTOMILA IMPRESE MOTORE DELLO SVILUPPO LIGUREî

Pin It

Dopo l’accordo sottoscritto in Regione con l’assessore alla sanità Claudio Montaldo e le prese di posizione comune sulla Finanziaria 2007, continua l’attività del coordinamento  unitario CNA-CONFARTIGIANATO-CONFCOMMERCIO-CONFESERCENTI della Liguria che rappresenta oltre centomila imprese e trecentomila addetti nella nostra Regione.

Oggi, nel corso di una conferenza stampa, i rappresentanti delle associazioni regionali hanno inteso chiarire le forti difficoltà delle imprese liguri a rispettare le ultime disposizioni in materia fiscale ed in particolare i nuovi indici di normalita’ economica che, per decreto e retroattivamente, ingigantiscono in modo anormale e artificioso il numero di imprese non congrue. A quanto sopra, si aggiungono anche le nuove disposizioni sanzionatorie e procedurali oltre ad adempimenti di immediato impatto sulle imprese che si traducono, questi ultimi in ulteriori costi per le stesse (vedi allegato 1).

Le associazioni regionali hanno inoltre evidenziato la necessità di un impegno comune teso a superare i pregiudizi e le diffidenze verso alcune categorie e a realizzare un fisco equo e credibile, non accanito contro le imprese, che dia fiducia  e certezze e che porti al risanamento dei conti pubblici.

Infine, commentando i dati Liguri che vedono il 95 % delle imprese con meno di 9 addetti e il 65% di ditte individuali, le associazioni ritengono fondamentale la realizzazione anche in Liguria di un modello di sviluppo che non consideri la piccola dimensione un vincolo da superare, ma una forza reale che crea occupazione, valore aggiunto e tenuta sociale ed economica.