Stampa
07
Mag
2009

L'UCINA ALLA FIERA DELLE QUALITA' ITALIANE

Pin It

 l’Associazione di Confindustria dell’industria nautica italiana che associa oltre 460 aziende produttrici di imbarcazioni, accessori, motori e servizi – sarà presente alla prossima edizione de La Campionaria, alla Fiera di Milano City dal 7 al 10 maggio prossimi, con l’eccellenza della nautica italiana  In qualità di socio sostenitore di Symbola – Fondazione promotrice insieme a Fiera Milano della manifestazione – UCINA crede fortemente nell’importanza di  unire le forze nella promozione dell’eccellenza italiana di cui la nautica è uno dei migliori esempi nel mondo.

 Per tali ragioni, alla Campionaria, l’industria nautica italiana sarà presente con una collettiva di una ventina di aziende e prodotti espressione dell’eccellenza di un settore significativo e strategico per l’economia italiana, per la qualità che contraddistingue i prodotti del comparto, per il Made in Italy nel mondo, per l’indotto che crea sul territorio, per la sua funzione sociale,  per l’offerta che può rappresentare nella nuova strategia turistica del nostro Paese.

 Otto i natanti esposti dagli Associati UCINA quali esempi di un’industria che, anche nelle produzioni degli scafi più piccoli, sa distinguersi per design innovativo, prestazioni, ricerca, tecnologia e rispetto dell’ambiente: Arimar, Nautica Esposito Stanislao, ZAR by Formenti, CNL Cantieri Nautici Lamberti, Cantiere Nautico Marinello, Nuova Jolly Marine, Selva, Sessa Marine.

 Ad esse si aggiungono i modellini esposti delle imbarcazioni dei cantieri nautici Cantieri di Baia Mericraft, Cerri Cantieri Navali, Cantiere Nautico Della Pasqua, Permare.

 Ma l’industria nautica italiana è anche espressione di una vera e propria filiera produttiva che compenetra profondamente i territori su cui insiste, coinvolgendo l’artigianato di alta qualità, con un modello imprenditoriale basato sull’intreccio fra medie imprese capaci di competere a livello globale e piccole aziende di eccellenza.

 “UCINA ritiene più che mai necessario creare una rete che colleghi i talenti del made in Italy e tutte quelle realtà che basano la loro attività sull’innovazione, senza dimenticare il rispetto dell’ambiente, lo sguardo alla tradizione e la stretta connessione con i territori. Elementi che hanno permesso all’industria nautica italiana di rappresentare un modello di economia che come pochi altri ha saputo collezionare negli ultimi anni importanti successi perché capace di coniugare alla tecnologia e al design, un organizzazione industriale universalmente riconosciuta dal mercato”. Questa la dichiarazione del Presidente di UCINA, Anton Francesco Albertoni che venerdì 8 maggio interverrà al convegno “ITALIA. Geografie del nuovo made in Italy” alle ore 10.30 presso la Sala Qualità di Fiera Milano City.