Stampa
26
Giu
2009

MARIOTTI HA CONSEGNATO A SEABOURN CRUISE LINE LA NUOVA AMMIRAGLIA SUPERLUSSO SEABOURN ODYSSEY

Pin It

.Mariotti ha consegnato a Seabourn Cruise Line (luxury brand del gruppo Carnival consede a Miami) la nuova ammiraglia superlusso Seabourn Odyssey. La prima di una commessa del valore di 550 milioni di euro per tre navi gemelle concepite per rappresentare l’esempio assoluto di lusso e tecnologia completamente “Made in Italy”. Seabourn Odyssey è la prima nave nel segmento luxury degli ultimi 6 anni e la prima costruita per Seabourn da più di 15 anni. Testimonia la fiducia di Seabourn nel segmento superlusso del mercato crocieristico e nel suo potenziale per il futuro.

Il battesimo è avvenuto il 24 giugno a Venezia nel segno dell’eleganza e dell’unicità che porterà nei mari del mondo. La cerimonia si è svolta a bordo, sul ponte principale della nave nella suggestiva atmosfera Veneziana dei Sette Martiri al tramonto, non lontano da Piazza San Marco. Madrine e Padrini di Seabourn Odyssey gli affezionati croceristi prenotati da tempo, a bordo per il Maiden Voyage. Un’emozionante spettacolo suggellato da una bottiglia di Prosecco prodotto nella stessa zona in cui è cominciata la costruzione di Seabourn Odyssey.


“Il progetto di Seabourn Odyssey ha richiesto al team T.Mariotti creatività e ricerca per concepire una nuova idea di nave” afferma Marco Bisagno (Presidente del Cantiere T.Mariotti di Genova) “penso che Seabourn Odyssey rappresenti un ulteriore passo avanti nella costruzione di navi da crociera; non a caso è Yacht of Seabourn: confort e allure a bordo paragonabili ad uno yacht, complessità tecnica di una nave di ultima generazione”. Solo i lavori a bordo hanno occupato circa un migliaio di persone, generando ulteriore indotto e opportunità d’impiego.

Fondato nel 1928 come officina di riparazioni navali, e rinomato sin dalle origini per un’eccezionale artigianalità abbinata alla più avanzata tecnologia sia costruttiva che progettuale, T. Mariotti si conferma leader nel segmento della costruzione di navi da crociera superlusso. La nuova Seabourn testimonia inoltre un modello di organizzazione ed efficienza: la parziale delocalizzazione a San Giorgio di Nogaro per ampliarsi e rimanere competitivi, data la carenza di spazi a Genova, si è dimostrata una scelta vincente.
La nave appena consegnata è un ulteriore esempio di innovazione, che inaugura una nuova generazione di navi da crociera superlusso destinate a diventare un riferimento per la costruzione navale.
32.000-GRT, lunga 198 metri, Seabourn Odyssey accoglie gli ospiti in 225 luxury suites, il novanta per cento delle quali con veranda privata offrendo il rapporto spazio/passeggero tra i più alti del mercato.
La più grande Seabourn presenta un classico del marchio decisamente unico per una cruiseship di queste dimensioni: una vera e propria “marina” a poppa, da cui raggiungere direttamente il mare.