Stampa
01
Feb
2008

MISSIONE IN CINA DELLA DELEGAZIONE CONFITARMA

Pin It

Una delegazione Confitarma guidata dal Presidente Nicola Coccia, e composta dal Vice Presidente Stefano Messina, dal Presidente del Gruppo Giovani Armatori Giuseppe Mauro Rizzo, dal Vice Presidente del Gruppo Giovani Armatori Gabriele Rosati d’Amico, dal Presidente della Ignazio Messina & C. Spa Paolo Messina e dall’Amministratore Delegato del RINA Ugo Salerno, si è recata a Shanghai per una missione imprenditoriale nei giorni 21-23 gennaio 2008.

Questa visita in Cina, organizzata in collaborazione con l’Associazione Cina-Italia, ha offerto all’armamento italiano un’importante occasione per illustrare, ai più alti livelli istituzionali e finanziari cinesi, le potenzialità dell’industria armatoriale italiana e le opportunità legate ad una fattiva collaborazione in ambito finanziario e nel settore della cantieristica navale.
In questo contesto sono stati siglati tre accordi tra:

1.Confitarma e Shanghai Federation of Industrial Economics
2.Confitarma e The Export-Import Bank of China (EXIM)
3.Confitarma, Rina e Università di Shanghai

LO SHIPPING UN’OCCASIONE D’INVESTIMENTO
Grazie ai massicci investimenti in nuove navi, alla conseguente movimentazione di ingenti risorse finanziarie, il settore armatoriale italiano è andato assumendo da qualche anno le dimensioni di un comparto industriale di primaria grandezza. Si prevede infatti che gli ordini di nuove navi da parte di imprese di navigazione italiane raggiungano quest’anno i 7 miliardi di dollari USA e, nel 2009, i 9 miliardi di dollari USA.
La flotta italiana è tornata a far parte del gruppo delle principali marine mercantili  posizionandosi al 13° posto nella graduatoria delle principali flotte mondiali e ai primi posti nelle graduatorie di alcune tipologie di navi.
Continua quindi a crescere la flotta mercantile italiana che, alla fine del 2007, con un incremento del 6%, ha raggiunto i 14 milioni di tonnellate di stazza.