Stampa
29
Giu
2012

Ecomission e Comune insieme per una mobilità sostenibile

Pin It

Per incentivare la diffusione dei veicoli elettrici anche a Genova Ecomission e la Direzione Mobilità del Comune propongono di far posizionare gratuitamente una colonnina elettrica in tutte le scuole medie superiori che aderiranno al progetto in concomitanza con la settimana europea della mobilità sostenibile.

altA seguito dell’incontro fra Walter Pilloni, presidente Ecomission, ramo aziendale di Teknit, (Via Buccari 21, Sestri Ponente; 010-6140445; www.ecomission.it), accompagnato dall’architetto Stefano figura dell’ingegnere Roberto Ionna si è ipotizzato  di

concentrare l’attenzione per la diffusione dei veicoli elettrici nelle scuole medie superiori genovesi, regalando delle colonnine di ricarica dei mezzi.
« Riteniamo che i giovani potrebbero essere il motore trainante di questo mercato che in tutto il mondo sta registrando enormi consensi, un vero e proprio boom. Questo è ancora più significativo se si pensa che i mezzi elettrici risolvono diversi problemi ambientali ed economici», ha spiegato Walter Pilloni.
 Ma di che cosa si tratta nel dettaglio? Ecomission, oggi, è leader assoluto, in Italia, nel mercato della mobilità elettrica su due ruote grazie a Ecojumbo 5000 ed è ufficialmente entrata nella graduatoria di un bando dell’Unione Europea, patrocinato dalla Regione Liguria (Progetto Operativo Regionale FESR 2007-2013) che prevede il finanziamento del 30%, con fondi europei, di un progetto industriale  sostenibile.
«Grazie al contributo sull’investimento messo a disposizione dalla FILSE   – ha commentato Pilloni –stiamo realizzando un certo numero di colonnine  per ricaricare scooter elettrici. Al termine del progetto siamo disposti a  regalare ,a soggetti pubblici o privati che ne faranno richiesta, il frutto del nostro lavoro.  L’idea punterebbe i riflettori su una ventina di scuole medie superiori genovesi che, candidandosi autonomamente per la richiesta di una colonnina donata gratuitamente, dovrebbero semplicemente collocarla nei loro spazi esterni e gestirne l’ uso. Gli uffici competenti del Comune incoraggeranno il progetto, che a detta della Direzione Mobilità rientra perfettamente nelle linee future  portate avanti dall’amministrazione, intervenendo su una semplificazione burocratica legata al posizionamento della colonnina sul suolo aperto al pubblico. Ma il tutto deve essere ancora definito nel dettaglio.
La direzione di Ecomission  invierà una lettera a tutti i licei genovesi sottoponendo loro il progetto in attesa di  candidature, che non tarderanno certo ad arrivare. L’iniziativa che potrebbe prendere il via  a settembre, coinciderà con la settimana europea della mobilità  sostenibile.