Stampa
25
Dic
2007

MOBILITAZIONE GENERALE PER OTO MELARA

Pin It
Dopo giorni di voci, "rumors" e indiscrezioni la possibilità che le industrie Oto Melara sperimentino una cessione di quote azionarie alla Rheinmetall, colosso tedesco dell'armamento, si è infine imposta come il soggetto principale del dibattito politico ed economico dello Spezzino, coinvolgendo anche il Governo e i vertici del gruppo Finmeccanica.
Se le rsu, la Provincia e il Comune della Spezia hanno incassato il "niet" con cui il presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini ha deluso le loro speranze di confronto sul delicato tema i lavoratori delle officine armiere del golfo non si sono fatti scoraggiare e hanno organizzato un corteo per esprimere la loro ferma opposizione a ogni scelta che indebolisca gli assetti del gruppo o ne limiti l'autonomia finanziaria e manageriale.
Trecento ingegneri e un distretto tecnologico di assoluta eccellenza sono un capitale da difendere, e se il panorama del mercato consiglia sinergie e cooperazioni queste devono comunque essere portate avanti lontano da qualunque idea di ridimensionamento, ma anzi, per consentire lo sviluppo e la crescita del gruppo. Solidarietà bipartisan dai rappresentanti di maggioranza e opposizione del consiglio regionale, mentre si aspettano le risposte del Governo agli interrogativi che verranno posti durante il prossimo "question time" su Finmeccanica e le sue controllate.