Stampa
07
Mag
2008

PRIMO RESOCONTO DELLA MISSIONE IN INDIA ED EMIRATI ARABI UNITI DEL GRUPPO GIOVANI ARMATORI

Pin It

Si è conclusa la prima parte della missione in India ed Emirati Arabi Uniti del Gruppo Giovani Armatori di Confitarma, guidata dal Presidente Giuseppe Mauro Rizzo insieme ai Vice Presidenti Franco Napp e Gabriele Rosati d’Amico ed ai Consiglieri Francesca Romana Barbaro e Valeria Novella. La delegazione di 20 Giovani Armatori è partita il 26 aprile da Fiumicino alla volta di Mumbai dove il 28 aprile vi sono stati i primi incontri, per proseguire a Delhi, nello Stato settentrionale del Gujarat, Abu Dhabi e Dubai con numerosi meeting con autorità locali e associazioni armatoriali nonché visite dei principali porti e cantieri navali incluso il sito di Alang specializzato nella demolizione di navi. La missione che oggi  si trasferisce negli Emirati Arabi Uniti, si concluderà il 9 maggio.
"Il livello di crescita della sua economia, fa dell'India un Paese di enorme interesse per l'industria dello shipping come del resto le altre realtà dei BRICS (Brasile, Russia, India e Cina) e le nuove generazioni di armatori devono essere preparate a cavalcare le opportunità derivanti da questo fenomeno – ha dichiarato Giuseppe Mauro Rizzo, presidente dei Giovani Armatori di Confitarma - sono molto orgoglioso di essere a capo di questa delegazione con la quale i Giovani Armatori dimostrano ancora una volta dopo la Missione dello scorso anno in Cina di saper concretizzare rapidamente progetti importanti a vantaggio delle loro imprese e dell’intero cluster marittimo italiano”.
“In tal senso – prosegue Rizzo – siamo fieri di poter rappresentare Confitarma con l’incoraggiamento ed il sostegno del nostro Presidente Nicola Coccia in questa importante missione di apertura di relazioni e opportunità per la nostra categoria in un momento in cui lo shipping italiano e’ impegnato in intensi programmi di espansione della propria flotta commerciale”.

In questa prima parte della Missione, i Giovani Armatori, oltre alle rappresentanze diplomatiche italiane, hanno incontrato rappresentanti di istituzioni locali, dei principali armatori e cantieri indiani nonché dei principali utilizzatori del trasporto marittimo, terminal e porti, delle istituzioni bancarie locali e italiane, delle realtà armatoriali italiane già presenti sui territori e delle Associazioni di Armatori ed Industriali al fine di acquisire una migliore e diretta conoscenza dello straordinario potenziale di questi paesi nel campo marittimo e valutare le opportunità di nuovi business per gli armatori italiani anche attraverso l’avvio di sinergie con le associazioni armatoriali locali non ultima l’INSA la principale Associazione degli Armatori Indiani.