Stampa
09
Mar
2012

Riforma del lavoro: abolire tredicesima e quattordicesima

Pin It

 altAboliamo la tredicesima.( e anche la quattordicesima) Riforma attuale del mercato del lavoro .La proposta del ‘Centro Studi Economico e Finanziario ESG89’ Giorgetti (ESG89) "Nella maggior parte dei Paesi industrializzati non esiste. E’ una prassi tutta italiana, con costi inutili di centinaia

di milioni di euro, che dovrebbe essere abolita con una serie di vantaggi economici e burocratici per imprese e dipendenti" Potrebbe sembrare una provocazione, ma in realtà non lo è. Anzi. Abolire la tredicesima e la quattordicesima per il contratto del commercio e dei servizi può portare dei benefici sia per i lavoratori che per le imprese. Chiaramente l’ammontare totale della retribuzione annuale dovrebbe essere ripartito in dodici mensilità, che in questo caso andrebbero ad aumentare di valore reale e percepito. Quali i vantaggi per le imprese? Innanzitutto si eliminerebbero milioni e milioni di cedolini relativi alle buste-paga sia per tredicesime che per quattordicesime. Inoltre verrebbero meno le spese per bonifici e i relativi costi dei consulenti e commercialisti per la loro elaborazione e registrazione contabile (normalmente dai 20 ai 35 euro cadauna). Un bel passo in avanti verso l’auspicata ‘semplificazione’. Si eviterebbe, inoltre, la concentrazione di costi per dipendenti in un periodo dell’anno (dicembre per le tredicesime e giugno per le quattordicesime) con la relativa diluizione degli importi in dodici mesi. E’ infatti frequentissimo il ricorso da parte delle società per il finanziamento del pagamento delle tredicesime e/o quattordicesime, con relativo aggravio di costi per interessi e spese bancarie. Quali i vantaggi per i lavoratori? Principalmente il fatto di non dover attendere dodici mesi per avere un altro stipendio. Molti lavoratori, infatti, soprattutto negli ultimi anni, si fanno anticipare la ‘tredicesima’ dal sistema bancario per pagare rate di mutui, bollette e spese varie. In questo modo si eviterebbe i


‘terribili’ e pesantissimi interessi sui mini prestiti personali. L’incremento medio mensile della disponibilità in busta paga porterebbe, inoltre, benefici costanti anche sui consumi del Paese, senza dover attendere forzatamente il periodo natalizio. Nella maggior parte dei Paesi industrializzati non esiste – commenta Giovanni Giorgetti del Centro Studi Economico e Finanziario ESG89 - E’ una prassi tutta italiana, con costi non produttivi per centinaia di milioni di euro, che dovrebbe essere abolita con una serie di vantaggi sia economici che burocratici per imprese e dipendenti. (Centro Studi Economico e Finanziario Esg89)

 

 

Commenti  

 
#3 io 2013-03-21 07:23
io sono disoccupato quindi se volete abolitela pure chissenefrega :lol:
Citazione
 
 
#2 franco orru 2012-07-12 16:28
Non ho ben capito i vantaggi di cui parla l'articolista. E poi, perchè si dice sempre che gli altri non hanno questi vantaggi? i Tedeschi? Allora anche io non voglio la tredicesima purchè mi diano lo stipendio di un mio pari lavoratore tedesco e vi assicuro che è molto meglio. Avete capito che gli stipendi italiani sono 1/3 inferiori a quelli tedesci e francesi? Facciamo sempre i paragoni con gli altri prendendo ad esempio solo quello che conviene a questi politici ed economisti del c.....zzo.
Citazione
 
 
#1 emanuel 2012-05-18 00:06
Salve a tutti..credo di essere a favore abolire la 13° e 14°,anche se non ho ancora capito bene i vantaggi. aggiungo che anche da noi in Brasile esiste la 13°, 14° in vigore dal 1965,anche le ferie pagate,pure da noi ci sono state le proposte per abolire tutti queste spese. tutto il globo cercano di immitare un l'altro,chi sà se in fondo ce qualcosa di losco in mezzo.
saluti..
Citazione