Stampa
06
Dic
2008

ROMA. ASSEMBLEA GENERALE DELLA NAUTICA ITALIANA

Pin It
UCINA (Unione Nazionale Cantieri e Industrie Nautiche ed affini): Mercoledì 10 dicembre, ore 11.00, a Palazzo Marini, Roma, l’Assemblea generale dell’industria nautica in Italia.
Un momento di riflessione e di confronto con le istituzioni e il mondo politico.
Mercoledì 10 dicembre, alle ore 11.00, a Roma presso la Camera dei Deputati, Palazzo Marini, via del Pozzetto 158, UCINA - l’Associazione aderente a Confindustria e che rappresenta l’industria nautica italiana - organizza l’ASSEMBLEA GENERALE DELLA NAUTICA ITALIANA.
Alla presenza, tra gli altri, di Claudio Scajola, Ministro dello Sviluppo Economico, Altero Matteoli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maria Vittoria Brambilla, Sottosegretario Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega al Turismo, Umberto Vattani, Presidente Istituto Commercio Estero, Luigi Grillo, Presidente VIII Commissione Lavori Pubblici, Trasporti e Telecomunicazioni del Senato, Mario Valducci, Presidente IX Commissione Trasporti presso la Camera, Antonio D’Alì, Presidente XIII Commissione Territorio, Ambiente presso il Senato, Ermete Realacci, VIII Commissione Ambiente presso la Camera, Giuseppe Parrello, Presidente Autorità Portuale Ravenna, Mauro Cutrufo, Vice Sindaco di Roma, Anton Francesco Albertoni, Presidente UCINA, l’Assemblea vuole essere un momento importante di riflessione e confronto per il settore, che si pone l’obiettivo di continuare a crescere ed essere simbolo del “made in Italy” nel mondo, pur nell’attuale contesto congiunturale caratterizzato da profonda instabilità.
L’Assemblea sarà l’occasione per presentare il Rapporto sul Turismo Nautico - numero 0, anno 2008 dell’Osservatorio Nautico Nazionale e l’indagine realizzata dalla SDA Bocconi che delinea la situazione attuale del settore con l’obiettivo di pensare uno scenario futuro dell’industria nautica.
Forte di questi presupposti e con concreta consapevolezza, UCINA continua ad impegnarsi nei propri progetti strategici – portualità, buona fiscalità, formazione e sostenibilità ambientale - puntando ad un sempre maggiore coinvolgimento delle Istituzioni.
In tale contesto, si vogliono individuare e comprendere le priorità delle azioni necessarie per sostenere un mercato come la nautica che, pur in un momento di crisi, contiene concrete potenzialità di sviluppo.
Sulla base dei dati 2007 l’industria nautica italiana conferma, infatti, la sua leadership mondiale: oltre 6 miliardi di euro di fatturato, un contributo al PIL di 5,5 miliardi di euro, un numero di addetti complessivi passati da 10.000 a 37.000 in dieci anni, senza contare l’indotto nell’ambito del turismo nautico.