Stampa
11
Nov
2007

UCINA.L'INDUSTRIA NAUTICA ITALIANA PRESENTE ALLA FIERA DELLE QUALITA' DI MILANO

Pin It

UCINA (Unione nazionale cantieri ed industrie nautiche ed affini): L’industria nautica italiana presente a La Campionaria – Fiera delle qualità italiane – dal 22 al 25 novembre 2007 nel nuovo polo fieristico di Milano (Rho – Pero). La nautica settore di punta del Made in Italy nel mondo.   l’associazione di Confindustria dell’industria nautica italiana che associa oltre 430 aziende produttrici di imbarcazioni, accessori, motori e servizi – sarà presente a La Campionaria – Fiera delle qualità italiane – dal 22 al 25 novembre 2007 presso la Fiera di Milano (polo di Rho- Pero), per rappresentare un comparto di punta del Made in Italy nel mondo, capace di coniugare alla tecnologia e al design, un organizzazione industriale universalmente riconosciuta dal mercato.

L’industria nautica italiana, simbolo di qualità e innovazione, per valorizzare gli atout principali del suo successo nel mondo - filiera, ambiente, tradizione, tecnologia e immagine – propone un percorso simbolico attraverso 18 realtà produttive (Pad. 5 – Stand C08).  Da parecchi anni l’industria nautica italiana è leader mondiale nel comparto dei grandi yacht , seconda per produzione complessiva, dopo gli USA, con un fatturato di 5,2 miliardi di euro e occupa 34 mila 500 addetti. Grazie alla sua capacità di attivare indotto a valle la nautica funge da traino per lo sviluppo del turismo nautico lungo le coste e i laghi italiani, dando vita ad un settore turistico che impiega oltre 78 mila addetti.

Alla Campionaria, l’Associazione intende presentare la nautica quale settore significativo e strategico per l’economia italiana, per la qualità che contraddistingue i prodotti del comparto, per il Made in Italy nel mondo, per l’indotto che crea sul territorio, per la sua funzione sociale,  per l’offerta che può rappresentare nella nuova strategia turistica del nostro Paese.

“La partecipazione della nautica alla Fiera Campionaria delle qualità italiane è una nuova ed interessante esperienza che si inquadra nelle attività dell’Associazione volte a promuovere lo sviluppo della nautica, sostenere le aziende, far crescere il mercato. Abbiamo voluto proporre un percorso nell’industria nautica che affronta – afferma il Presidente di UCINA, Anton Francesco Albertoni – con un taglio trasversale alcune tematiche fondamentali connesse allo sviluppo del settore quali l’ambiente e la qualificazione del territorio senza dimenticare il design, l’innovazione e la tecnologia”.

L’obiettivo di UCINA è quello di diffondere la nautica da diporto e la cultura del mare in Italia: un obiettivo comune per sensibilizzare la politica ed educare la società valorizzando i risultati già ottenuti sul fronte della sostenibilità ambientale di una nautica sempre più compatibile, tecnologicamente all’avanguardia e in grado di non impattare l’ambiente circostante.

Da qui emerge l’impegno istituzionale di UCINA a favore delle industrie: accompagnarne la crescita con la formazione, garantire la sicurezza dei loro lavoratori, sostenerne l’export e aiutarle a investire in ricerca e tecnologia. Iniziative queste volte a valorizzare la peculiarità di un prodotto, quello della nautica italiana, che sa coniugare qualità dei materiali e design innovativo, alta tecnologia e rispetto dell’ambiente.

UCINA, l'Unione Nazionale dei Cantieri e delle Industrie Nautiche e Affini è l’associazione senza fini di lucro, che opera per lo sviluppo, la promozione del settore nautico  e la crescita della cultura del mare e del turismo nautico. Con sede a Genova, l’Associazione aderisce a CONFINDUSTRIA, nell'ambito della quale è presente nella commissione Trasporti ed in quella delle Infrastrutture.
UCINA opera a livello istituzionale come soggetto di confronto con le forze politiche, sociali e di governo. Intrattiene relazioni molto attive con i ministeri delle Infrastrutture e Trasporti, delle Attività Produttive, dell’Ambiente, dell’Economia e Finanze e con la Comunità Europea in relazione al recepimento e all’uniforme applicazione delle Direttive in materia di diporto nautico.