Stampa
29
Apr
2009

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVAZIONE DEL BILANCIO : UTILE NETTO A 223,5 MILIONI (+

Pin It

sanguineto e berneschiNel corso del 2008, esercizio caratterizzato dall’acuirsi della crisi dei mercati finanziari internazionali e dal deterioramento del quadro macroeconomico, la Capogruppo ha mantenuto una significativa redditività, chiudendo l’esercizio con un utile netto in crescita del 6,4%, a 223,5 milioni ed il Gruppo ha realizzato un utile netto consolidato pari a 205,5 milioni, in linea con quello dell’esercizio precedente (204,8 milioni; +0,3%).
Il positivo sviluppo dell’attività d’intermediazione creditizia tradizionale – cui hanno contribuito i rami d’azienda acquisiti nell’esercizio da Intesa Sanpaolo (79 sportelli) e da Unicredit (40 sportelli) –  soprattutto nelle componenti della raccolta diretta da clientela, dei prodotti bancario-assicurativi e degli impieghi alle imprese e alle famiglie, ha compensato gli effetti negativi derivanti dallo sfavorevole andamento dei mercati finanziari, che ha determinato la contabilizzazione di minori commissioni da risparmio gestito, la contabilizzazione di minusvalenze sul portafoglio di proprietà e la svalutazione (impairment) di alcuni titoli non classificati nel portafoglio di trading.
 
L’utile conseguito e la robusta situazione patrimoniale - caratterizzata da coefficienti di vigilanza che si collocano su livelli significativamente superiori a quelli richiesti dalla normativa e tra i migliori del Sistema - consentono di distribuire un dividendo unitario in contanti pari a quello dell’esercizio precedente: 0,080 euro per le azioni ordinarie e 0,100 euro per le azioni di risparmio. Il monte dividendi è invariato a 146,7 milioni ed il pay out ratio è pari al 65,7%. La data di stacco dividendo è il 4 maggio 2009, con pagamento a partire dal 7 maggio 2009. Apposito avviso verrà pubblicato sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” del 30 aprile 2009 e messo a disposizione in pari data sul sito internet www.gruppocarige.it.

A livello consolidato, gli impieghi all’economia hanno registrato una crescita del 20,8%1 e il risparmio raccolto dalla clientela (AFI) del 14,6%1, particolarmente sostenuta nelle componenti della raccolta obbligazionaria (+32,2% annuo) e dei prodotti bancario-assicurativi (+64,1%).
Lo sviluppo dell’intermediazione ha consentito una rilevante espansione del margine d’interesse (+23%) e una tenuta delle commissioni nette (+1,2%) che hanno assorbito il risultato negativo delle poste della gestione finanziaria (-48,1 milioni rispetto a +35,3 milioni nel 2007) e la svalutazione di alcune posizioni in titoli del portafoglio non di trading, per complessivi 28 milioni.
Il Gruppo ha riclassificato 1,5 miliardi di titoli dalle categorie contabili “detenuti per la negoziazione” ad altre categorie e dalla categoria “disponibili per la vendita” a “crediti e finanziamenti” avvalendosi delle modifiche apportate allo IAS 39 e all’IFRS 7 dalla Commissione Europea con Regolamento 1004 del 15 ottobre 2008. Ciò ha riguardato minusvalenze per 130,4 milioni lordi (88 milioni netti) e minori riserve negative di patrimonio netto per 24,5 milioni.
Le minusvalenze sul portafoglio di proprietà, sono peraltro in gran parte riferite a obbligazioni governative, bancarie e corporate, aventi elevati standing creditizi e iscritte sotto la pari. Il Gruppo ritiene quindi, anche sulla base di recenti analisi condotte da primarie società di ricerca internazionali, che tali minusvalenze potranno essere progressivamente riassorbite entro la scadenza/rimborso dei relativi titoli.
Gli effetti negativi introdotti dalla c.d. Manovra d’estate e dall’integrazione ad aliquota ordinaria dell’imposta sostitutiva versata ad aliquota ridotta nel 2004 per l’affrancamento di immobilizzazioni, successivamente qualificata dalla Commissione Europea come aiuto di Stato, hanno parzialmente assorbito i benefici fiscali collegati in gran parte a effetti positivi non ricorrenti derivanti dall’affrancamento delle differenze extracontabili effettuate ai sensi della L. 244/2007.
Il Gruppo mantiene livelli di patrimonializzazione significativamente superiori a quelli richiesti dalla normativa di vigilanza; i coefficienti patrimoniali consolidati calcolati sulla base della metodologia standard di Basilea 2, evidenziano un Core Tier 1 Ratio pari al 7,08%, un Tier 1 Ratio2 pari al 7,91% e un Total Capital Ratio2 pari al 10,56%. Il Gruppo presenta inoltre adeguati livelli di liquidità, determinati principalmente dalla crescita della raccolta obbligazionaria, in particolare nei confronti della clientela ordinaria.

Nomina del Consiglio di Amministrazione, del Presidente e del Vice Presidente per il triennio 2009-2011: l’Assemblea ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione ed il suo Presidente per il triennio 2009-2011, con scadenza alla data dell’Assemblea di approvazione del bilancio al 31 dicembre 2011, sulla base di tre liste presentate dai soci ai sensi dell’art. 18 dello Statuto sociale come segue:

dalla lista presentata dal socio Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, titolare di n. 711.954.403 azioni ordinarie, pari al 44,057% del capitale sociale ordinario, lista votata dalla maggioranza assembleare, sono stati nominati il Presidente Cav. Lav. Dott. Giovanni Berneschi, il Vice Presidente Dott. Alessandro Scajola, nonché i seguenti Consiglieri: Prof. Avv. Piergiorgio Alberti, Prof. Avv. Piero Guido Alpa, Cav. Lav. Dott. Gabriele Galateri di Genola, Dott. Luigi Gastaldi, Comm. Pietro Isnardi, Dott. Renata Oliveri;

dalla lista presentata dal socio CNCE - Caisse Nationale des Caisses d'Epargne et de Prévoyance, titolare di n. 242.060.434 azioni ordinarie, pari al 14,979% del capitale sociale ordinario, sono stati nominati i seguenti Consiglieri: Dott. Jean-Jacques Bonnaud, Dott. Cesare Castelbarco Albani, Dott. Alain Jean Pierre Lemaire, Dott. Jean-Marie Paintendre, Dott. Guido Pescione.

dalla lista presentata da soci titolari complessivamente di n. 65.480.205 azioni ordinarie, pari al 4,052% del capitale sociale ordinario, ossia la Coop Liguria Società Cooperativa di Consumo, la Talea Società di Gestione Immobiliare S.p.A., la Gefip Holding SA, la Finanziaria di Partecipazioni e Investimenti S.p.A., la Coopsette Soc. Coop. r.l.p.a., il Sig. Cesare Ponti, la Genuensis Immobiliare S.p.A., la Genuensis di Revisione S.p.A., l’Immobiliare Ardo S.s. e la G.F. Group S.p.A. - lista votata dalla minoranza assembleare presentata da soci per i quali non sussistono rapporti di collegamento di cui all’art. 147-ter comma 3 del D.Lgs. n. 58/1998 ed all’art. 144-quinquies del Regolamento Emittenti Consob, tenuto anche conto di quanto previsto dalla Comunicazione Consob n. DEM/9017893 del 26/2/2009, né relazioni significative con i soci che detengono una partecipazione di maggioranza relativa nella Carige S.p.A. - sono stati nominati i seguenti Consiglieri: Dott. Luca Bonsignore, Rag. Remo Angelo Checconi, Sig. Bruno Cordazzo, Sig. Paolo Cesare Odone, Dott. Mario Venturino.