Stampa
28
Ago
2009

GRUPPO CARIGE: APPROVAZIONE DEI RISULTATI DEI PRIMI 6 MESI 2009 UTILE NETTO A 111,7 MILIONI (+0,7%)

Pin It

berneschiGenova .Il Consiglio di Amministrazione della Banca Carige S.p.A., presieduto da Giovanni Berneschi, ha approvato la relazione finanziaria semestrale 2009, illustrata dal Direttore Generale Alfredo Sanguinetto.
Nonostante lo scenario macroeconomico recessivo, nel primo semestre 2009 è proseguita la positiva dinamica dell’intermediazione tradizionale che, anche grazie al contributo dei rami d’azienda acquisiti nell’esercizio 2008 da Intesa Sanpaolo (79 sportelli) e da Unicredit (40 sportelli),  si è manifestata attraverso: la crescita della raccolta diretta, particolarmente sostenuta nelle componenti dei conti correnti e depositi (+28,6% annuo) e delle obbligazioni (+14,7%), che ha permesso di mantenere una significativa dotazione di liquidità e di finanziare lo sviluppo degli impieghi (+12,9%), cresciuti soprattutto nella componente a medio lungo termine erogata alle imprese; il sostenuto collocamento dei prodotti bancario-assicurativi (+30%) e l’acquisizione nel semestre di circa 26.000 nuovi clienti.

Quanto sopra - pur in presenza di tassi di interesse in forte riduzione - unito al risultato della gestione delle poste finanziarie (25,5 milioni, rispetto ai -32,9 milioni al 30 giugno 2008) ha consentito di contrastare gli effetti negativi del restringimento degli spread ed aumentare il margine di intermediazione (+13,7%) oltre ad assorbire l’incremento delle rettifiche di valore per deterioramento di crediti e altre attività finanziarie (56,1 milioni, rispetto ai 53,3 milioni del primo semestre 2008).

Il Gruppo Carige ha quindi mantenuto una significativa redditività, registrando una crescita dell’utile ante imposte del 17,5% e dell’utile  netto dello 0,7% sul primo semestre 2008.
L’andamento macroeconomico recessivo e il tendenziale peggioramento della qualità del portafoglio crediti del sistema bancario non si sono ancora manifestati con particolare criticità sul portafoglio crediti del Gruppo che presenta nei dodici mesi una crescita marginale del rapporto sofferenze nette/impieghi dall’1,5% all’1,7% e che può contare anche al termine del semestre su robusti livelli di patrimonializzazione: la stima dei coefficienti patrimoniali consolidati calcolati sulla base della metodologia standard di Basilea 2, evidenzia un Core Tier 1 Ratio pari al 6,90%, un Tier 1 Ratio pari al 7,70% e un Total Capital Ratio pari al 10,09%.

 

Dettaglio dei risultati consolidati
Nel semestre il margine di interesse è in lieve crescita (+0,7% su giugno 2008) a 385,3 milioni e, nonostante il negativo trend di mercato del risparmio gestito, le commissioni nette segnano uno sviluppo del 6,1% a 130,1 milioni grazie al collocamento del risparmio previdenziale; la gestione delle poste finanziarie, al netto di dividendi per 9,8 milioni, presenta un risultato di 25,5 milioni a fronte di un risultato negativo per 32,9 milioni del corrispondente periodo 2008.
Il margine di intermediazione risulta quindi pari a 550,7 milioni (+13,7%); tenuto conto delle rettifiche di valore nette per il deterioramento di crediti e di altre poste finanziarie (56,1 milioni; +5,4%) e del risultato della gestione assicurativa, il risultato netto della gestione finanziaria e assicurativa si attesta a 491 milioni (+17,2%). I costi operativi sono pari a 326,1 milioni in aumento del 17,2% rispetto al 30 giugno 2008 a seguito dell’aumento di perimetro conseguente all’acquisizione degli sportelli da Unicredit e Intesa Sanpaolo, nonché dei progetti strategici di sviluppo, specialmente nell’Information Technology. L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte risulta così in crescita del 17,5% a 168,4 milioni.
Al netto degli accantonamenti per imposte sul reddito, pari a 53,9 milioni, e considerando l’utile di pertinenza di terzi, pari a 2,8 milioni, l’utile netto si dimensiona a 111,7 milioni, in crescita dello 0,7% rispetto al primo semestre 2008.

Il risparmio complessivamente raccolto dalla clientela (AFI) si attesta a 44.631,4 milioni, in aumento del 3,5% nei sei mesi e del 5,7% rispetto a giugno 2008. La raccolta diretta (23.711,5 milioni) contribuisce con un incremento del 7% nei sei mesi (+18,3% nell’anno) in particolare a seguito dello sviluppo delle componenti dei conti correnti e depositi che includono il nuovo conto online per 715,8 milioni (rispettivamente +14,3% nei sei mesi e +28,6% nei dodici mesi) e delle obbligazioni (+1,4% e +14,7%). La raccolta indiretta, pari a 20.920 milioni, risulta stabile nei sei mesi (-0,2%) e in diminuzione del 5,6% nell’anno. Al suo interno il risparmio gestito, pari a 10.942,8 milioni, cresce nei sei mesi del 4,8% (-2% nell’anno) trainato dai prodotti bancario - assicurativi (+15,1% nel semestre e +30% nell’anno), mentre il risparmio amministrato, pari a 9.977,2, milioni risulta in contrazione sia sul dato di fine anno (-5,2%), sia rispetto a giugno 2008 (-9,3%).

I crediti verso clientela (al lordo delle presunte perdite) raggiungono i 21.854,3 milioni, in crescita del 3,5% nei sei mesi e del 12,9% nell’anno, soprattutto in relazione allo sviluppo della componente a medio/lungo termine (+7% e +13,9% rispettivamente nei sei e nei dodici mesi).

A fine giugno la rete di vendita del Gruppo conta 643 filiali bancarie e 383 agenzie assicurative. L’incremento di 40 filiali rispetto a giugno 2008 è integralmente collegato all’inclusione nel perimetro degli sportelli acquisiti dal Gruppo Unicredit nel terzo trimestre 2008. Il personale è pari a 5.888 unità, di cui 5.496 unità sono personale bancario (rispettivamente 5.626 e 5.261 a giugno 2008).

D

Il risparmio complessivamente raccolto dalla clientela si attesta a 39.062 milioni, in aumento del 4% nei sei mesi e del 7,6% rispetto a giugno 2008. La raccolta diretta (21.207,8 milioni) contribuisce con un incremento del 7,6% nei sei mesi (+20,8% nell’anno) in particolare a seguito dello sviluppo delle componenti dei conti correnti  e depositi (rispettivamente +14,7% nei sei mesi e +30,1% nei dodici mesi) e delle obbligazioni (+3,2% e +21,3%). La raccolta indiretta, pari a 17.854,2 milioni, risulta stabile nei sei mesi (-0,1%) e in diminuzione del 4,8% nell’anno. Al suo interno il risparmio gestito, pari a 9.798,6, milioni cresce nei sei mesi del 5,2% (+0,3% nell’anno) trainato dai prodotti bancario - assicurativi (+14,8% nel semestre e +30,3% nell’anno), mentre il risparmio amministrato, pari a 8.055,6 milioni, risulta in contrazione sia sul dato di fine anno (-5,8%), sia rispetto a giugno 2008 (-10,3%).

I crediti verso clientela (al lordo delle presunte perdite) raggiungono i 18.536,7 milioni, in crescita del 3,8% nei sei mesi e  del 14,6% rispetto a giugno 2008.

 

•Utile consolidato ante imposte +17,5% a € 168,41 milioni
•Utile netto consolidato € 111,71  milioni: +0,7% sui 111 milioni del primo semestre 2008
•Margine di intermediazione +13,7% a € 550,7 milioni
•Impieghi a clientela  +12,9% annuo a € 21,9   miliardi
•Raccolta complessiva da clientela +5,7% annuo € 44,61 miliardi
•Solidi ratio patrimoniali: core Tier 1 ratio 6,90%, Tier 1 ratio 7,70% e Total Capital ratio 10,09%