Stampa
01
Ott
2007

IL VERTICE DI BANCA CARIGE. DA IL VIA LIBERA ALL'AUMENTO DI CAPITALE

Pin It

BERNESCHIIl Consiglio di Amministrazione della Banca CARIGE S.p.A., presieduto dal Dott. Giovanni Berneschi, riunitosi in data odierna, ha deliberato di sottoporre all’Assemblea straordinaria (che verrà convocata a breve) la proposta di delegare al Consiglio di Amministrazione la facoltà di aumentare il capitale sociale nei termini che seguono, previo ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte delle competenti Autorità di Vigilanza.

Tale proposta è correlata all’acquisizione di n. 78 sportelli dal Gruppo Intesa Sanpaolo – la cui formalizzazione è prevista nei prossimi giorni – e consentirà alla Banca di mantenere sui tradizionali livelli di solidità i coefficienti patrimoniali di vigilanza, garantendo nel contempo al Gruppo la possibilità di conseguire un ulteriore sviluppo delle attività intermediate nelle nuove aree di insediamento.

All’Assemblea verrà proposto:
di attribuire al Consiglio la facoltà di aumentare il capitale sociale, ai sensi dell’art. 2443 del Codice Civile, a pagamento in denaro, in uno o più tempi per un periodo massimo di un anno dalla data della deliberazione assembleare, per un ammontare massimo (comprensivo di sovrapprezzo) di € 1.000 milioni, mediante emissione di azioni ordinarie e/o di risparmio del valore nominale di € 1 cadauna, da offrire in opzione agli aventi diritto, approvando altresì l’inerente modifica dell’art. 5 dello statuto; il tutto previa revoca, da parte della medesima Assemblea, delle deleghe conferite al Consiglio con deliberazioni dell’Assemblea straordinaria del 10/9/2003, per la parte non esercitata;

di attribuire al Consiglio, nell’ambito della delega conferita, ogni più ampia facoltà di determinare di volta in volta modalità, termini e condizioni dell’operazione, ivi inclusi il prezzo di emissione (compreso l’eventuale sovrapprezzo) delle azioni stesse ed il godimento;

di approvare la proposta di modifica dell’art. 35 (Azioni di risparmio) dello Statuto sociale, consentendo la possibilità ai detentori delle suddette azioni di convertire le medesime in azioni ordinarie di pari valore nominale in via continuativa a partire dal momento in cui la modifica verrà iscritta nel Registro delle Imprese;

di conferire infine mandato al Presidente, in relazione a quanto sopra, di provvedere alla convocazione dell’Assemblea straordinaria degli azionisti e dell’Assemblea speciale degli azionisti di risparmio della Banca CARIGE S.p.A.

Il Consiglio di Amministrazione si è espresso favorevolmente, qualora la suddetta proposta venga approvata dall’Assemblea dei soci e subordinatamente alle autorizzazioni delle competenti Autorità di Vigilanza, in ordine all’attuazione dell’aumento del capitale sociale in tempi brevi, mediante emissione di azioni per un controvalore (comprensivo di sovrapprezzo) nell’ordine di circa € 950 milioni.  L’operazione di aumento del capitale sarà assistita da un apposito consorzio di garanzia, coordinato e diretto da Mediobanca Banca di Credito Finanziario S.p.A. e composto dalla stessa Mediobanca, da ABN AMRO Rothschild e Credit Suisse.

Di prossima convocazione l’Assemblea straordinaria degli azionisti, chiamata ad attribuire al Consiglio di Amministrazione la delega ad aumentare il capitale sociale ai sensi dell’art. 2443 c.c.
L’Assemblea straordinaria verrà anche chiamata a procedere alla modifica dell’art. 35 dello statuto, concernente le azioni di risparmio; a tal fine, verrà quindi convocata anche l’Assemblea speciale degli azionisti di risparmio