Stampa
25
Set
2007

ALLO STADIO FERRARIS E'IL TURNO GENOA UDINESE

Pin It

Al Ferraris è di scena l’Udinese, che dopo le cinque sberle del Napoli al Friuli alla prima giornata  ha pareggiato con l’Inter , vinto con la Juve fuori casa,  e sabato con la Reggina tra le mura amiche. Gioca con il 3 4 3 ,parte sparata, alza il ritmi del gioco subito ad inizio gara gli indizi dei risultati positivi. Positivi,Creando gioco  e occasioni da gol. Con la Reggina tutto facilitato dal gol iniziale.Marino per il suo 3 4 3  ha i giocatori adatti e molti lo stanno assorbendo bene. Inler lo svizzero è la sorpresa per tutti, ma non per i friulani  bravi sempre a scoprire giovani interessanti. Con lo svizzero a centrocampo si è calato definitivamente nella parte del regista D’Agostino. Mesto sulla corsia di destra . Ma la differenza la fanno gli attaccanti, come sia giusto in un modulo votato all’attacco. Asamoah è devastante nel breve, Quagliarella gioca ma non segna, porta addosso la responsabilità dei gol d’autore dello scorso anno, per voglia di gol sbaglia tutto sottoporta. Di Natale, gol d fantascienza è in un periodo di grazia. Le riserve e non da poco sono Floro Flores e Pepe.

Queste sono le positività dei friulani, in difesa nelle quattro gare disputate hanno commesso grosse ingenuità difensive: I meccanismi della difesa a tre non sono stati ancora digeriti bene da Zapata e compagni, gli avversari si sono trovati soli sul secondo palo con facilità,due legni colpiti dai calabresi e tre della Juve con Del Piero.

Il gruppo giovane Marino il mister può lavorare tranquillamente pensando che ha ai box: Felipe, Obodo e Pinzi,tre che possono fare la differenza sul terreno di gioco, ma quando staranno tutti bene
Potrebbero creare problemi al giovane allenatore nelle scelte domenicali.
Al Ferraris confermata la formazione degli ultimi risultati: Handanovic in porta Zapotocny Coda Zapata Mesto D’Agostino Inler Dossena  Quagliarella Asamoah Di Natale.

                                      www.nostalgia.it  Lino Marmorato