Stampa
16
Mar
2009

CAGLIARI GENOA 0 A 1. AJO' COLPO GROSSO DEL GRIFO

Pin It

Partita  condizionata dal cartellino rosso, non congruo, sventolato sul finire del primo tempo a Cossu del Cagliari, ma siccome l’arbitro Gervasoni ha utilizzato i cartellini gialli in modo uniforme,  bisogna mettere in risalto  la bravura di Juric, Milanetto, i portatori di pressing del Genoa, ammoniti  nella prima parte della gara, a non farsi doppiare il giallo nei loro confronti.
Il rosso a Cossu è pesante, ma il condizionamento di Milanetto e Juric, che  non  hanno potuto utilizzare  le loro armi di giuoco  è stato anche determinante affinché la squadra di Gasperini soffrisse fino a 5’ minuti dal termine quando Olivera, al suo secondo gol stagionale da 3 punti ,dopo quello di Chievo, si trasformasse in Capitan Uncino trasformando la Sardegna nell’Isola del Tesoro genoano con vista Champions. Segnale importante che  i ragazzi di Gasperini  hanno mandato per questo rush finale di campionato, ai compagni di viaggio verso l’Europa.
11 contro 11 al S.Elia si è visto una gara tra due squadre che giocano un buon calcio con contenuti tecnici ottimi. La gara a tratti spettacolare , ha reso merito a due delle formazioni più belle di questo campionato. Al Cagliari bisogna dare il merito ,anche in inferiorità numerica, di non aver mollato e tentato di portare via il bottino pieno , al  Genoa in parità  e superiorità numerica di  aver sempre giocato per vincere mettendo in mostra valori tecnici e tattici notevoli.

Anche a Cagliari il Vecchio Balordo ha dato dimostrazione di non essere mai salvato dalle individualità dei giocatori, e i suoi risultati arrivano attraverso il credo tattico di Gasperini.
Fantastica la difesa baby per carta d’identità, ma veterana per quanto riguarda il gioco. Con l’aiuto di Rossi che ha annullato Jeda e Fini, la qualità del Cagliari spostandosi da destra  a sinistra, SoKratis, Bocchetti e Criscito hanno sciorinato una buona prestazione non solo in marcatura su Acquafresca , ma accorciando la  marcatura su Cossu che agiva tra le linee rossoblu.  Il greco e il napoletano genoani , parlando in inglese, hanno annullato Cossu  l’uomo in più, fino alla sua espulsione: il sardo  aveva fatto saltare il banco di tante squadre anche titolate  dalla quinta giornata di campionato in poi.
Citazione particolare per Olivera e tutti quelli che partono dalla panchina sempre pronti e  determinanti per capovolgere i risultati a favore del Genoa.
Sugli scudi Rubinho che ha salvato il risultato con una super parata sullo 0-0, in  undici contro dieci. Da brividi ,immaginare,    quello che sarebbe successo dopo le parole di Gasperini di giovedì scorso,   se Ruby  non si fosse immolato al risultato ed al futuro del Grifo in questo campionato.
Da segnalare un altro gol regolare non concesso sempre per Fuorigioco, in campo aperto, e non per millimetri,  ad Olivera dall’assistente Comito.

Domenica gara importante con l’Udinese al Ferraris altra partita senza Thiago alle prese con una infiammazione al ginocchio dopo la botta di Muntari dell’Inter. Nulla di preoccupante dopo la sosta per la Nazionale sarà in campo contro la Reggina.
Sosta che arriva al momento giusto, il  Vecchio balordo ricaricherà le pile per la volata finale.