Stampa
15
Nov
2010

CAGLIARI GENOA 0 A 1. SPECIAL NORMAL

Pin It

Cagliari Genoa 0 a 1 . Gol di Ranocchia,  che festeggia oltre  la convocazione con la nazionale maggiore di Prandelli, una buona partita. Bello  svegliarsi per i genoani e leggere(per una volta a favore)  i titoli dei  Giornali. “Genoa cinico”Genoa impassibile “, “Genoa pragmatico”Genoa concreto” ecc. ecc, vince non giocando benissimo.
Lo “Special normal”,  Ballardini ,   rifacendo tatticamente anche il Grifo  del trascorso periodo,  cambiando spesso moduli tattici contro il suo Cagliari,  ha comprovato  che rispetto al passato il Genoa non vai mai in affanno e sfrutta con Ranocchia l’unico incertezza del portiere Agazzi.



Il migliore in campo ,che ha reso i tre punti persi contro l’Inter,  è stato nel primo tempo il portiere Eduardo.
Non tutte le ciambelle escono con il buco se non sono preparate bene.
Il lavoro  sui palloni inattivi, già spiegati durante la settimana che ha preceduto la partita con il Cagliari sul blog, ha dato i suoi frutti : il Genoa nel proseguo di questo campionato  può vincere anche con la fisicità dei suoi giocatori.
Ballardini vince con la serenità, cura e mette a posto il materiale che ha trovato nella rosa rossoblu,cercando di sfruttare le caratteristiche dei giocatori a disposizione.
Senza nascondersi dietro i pali e le traverse il Genoa al S.Elia non ha fatto una bella partita e Ballardini in conferenza stampa lo ha  confermato:  "Oggi il Cagliari ha fatto una buona partita, noi siamo stati bravi e un po’  fortunati".
Però il  tecnico rossoblu ha ribadito  che :  "Il gruppo è sano, forte e di qualità. Con queste premesse è più facile lavorare". "Non so cosa sia cambiato dal mio arrivo in panchina  perché la base era già molto buona, un gruppo ben allenato, con qualità.
Io ho   portato  il mio  lavoro e il modo di relazionarmi   ai giocatori “.
Il lavoro del nuovo  tecnico rossoblu è apprezzato dentro lo spogliatoio e il Lupo solitario Ballardini  parla poco fuori dal campo, ma molto con i giocatori.
Ballardini in questa settimana che precede la gara con la Juventus dovrà risolvere le difficoltà del Genoa di andare in gol.
Difficilmente recupererà Palacio e Palladino, ma dopo il colpo contro i sardi  ed i 6 punti in due gare cercherà di perfezionare la posizione di Kharja dietro le punte.
Senza parlare dei soliti noti che danno l’anima per il Vecchio balordo(Rossi, Milanetto Criscito) in Sardegna hanno fatto una buona figura anche Khalazde, Veloso.
In ombra Rudolf alla ricerca spasmodica del gol e rimbrottato da Toni perché non dialoga nei sedici metri dell’area avversaria.
Clamoroso al S. Elia , per colpa di queste assurde leggi che stanno sconfiggendo  il calcio , il Vecchio Balordo ha vinto senza che sventolasse una bandiera rossoblu genoana.
Il campionato dice che con 0 punti si scivola in fondo alla classifica, con 3 si sale, figurarsi con 6 in due partite, , ma la mancanza di “adrenalina” nel pianeta Genoa  per queste due vittorie del Vecchio Balordo sembra scarseggiare.
La scossa arriverà domenica  prossima  per la calata degli zuccheri, si giocherà alle 12.30,   e dalla Vecchia Signora,   se il Grifo continuerà a trovare   :  incisività  ed equilibrio con il nuovo corso dello Special Normal.
  
 (LINO MARMORATO)