Stampa
22
Set
2010

CAGLIARI SAMPDORIA

Pin It

La terza partita di campionato termina senza reti al “S.Nicola” tra Bari e Cagliari. Bari e Cagliari  hanno  dato  vita a una sfida tutt' altro che spettacolare e con emozioni latitanti, che ha  provocato  i più che giustificati fischi del pubblico che a torso nudo o in canottiera e braghe corte  hanno sfruttato  il S. Nicola  tipo  spiaggia.
Ha ragione Ventura :. "Giocare al sud alle 12:30 a settembre  è solo una follia".  L'anticipo delle 12.30 si è

giocato a quasi 34 gradi di temperatura con una percentuale di umidità all'ottantacinque per cento
Pareggio 0-0 tra galletti e isolani  che soddisfa entrambe le squadre che mantengono l'imbattibilità e salgono a cinque punti in classifica.
Nel Cagliari Bisoli lancia Pinardi nel ruolo di mezzala sinistra al posto di Lazzari, alla seconda panchina consecutiva.
Il 4-3-1-2 rossoblù è quello tradizionale con Cossu dietro Acquafresca e Matri e Nainggolan confermato davanti alla difesa al posto di Capitan Conti infortunato.
La sfida tra Bari e Cagliari  che si preannunciava  ricca di contenuti tecnici delude tutti sin dall'avvio. I primi minuti sono di studio e si assiste a passaggi lenti con il Cagliari che ha studiato l'abitudine barese di fare possesso a partire dal portiere.
Bisoli ordinando  il pressing sistematico delle punte sugli stopper  ha costrettop  Gillet a  calciare lungo trovando  puntuali i  centrali cagliaritani.
Nenè nella ripresa  ha preso   il posto di un malconcio Acquafresca che centrato da una colpo di caldo ha dovuto abbandonare  per forte nausea e Lazzari ,dopo una lite in panchina non per calata di zuccheri con il tecnico Bisoli,  quello del confusionario Pinardi.
La poca velocità nelle giocate è la chiave per interpretare questo risultato ad occhiali in terra di Puglia. . Entrambe le squadre sono  restate  “basse” ad aspettare le mosse dell'avversario e così si è  assistito ad  uno scenario più  da Beach soccer  che da calcio professionistico.
Contro la Samp il neo tecnico Bisoli potrebbe riproporre la stessa squadra che ha pareggiato a Bari e sempre con gli stessi ballottaggi Lazzari - Pinardi,
Nenè -  Acquadresca.
Pinardi e Lazzari sono due giocatori simili per il ruolo di interno di centrocampo: tecnica, velocità e capacità di inserimento. Mister  Bisoli in questo inizio di campionato ha scelto sempre  il primo come titolare smentendosi sempre  al principio del secondo tempo ordinando la staffetta tra i due.
Cossu è sempre  il migliore in campo con le sue iniziative che sono state  le sole a poter smuovere la calma piatta che è regnata sovrana nel mezzogiorno di fuoco del S.Nicola di domenica scorsa.
Guardando le immagini in Tv di Bari Cagliari vorrei segnalare l’efficacia  e l’efficienza  della TDT. Un solo spettatore  cagliaritano nel settore ospiti , guardato a vista prima da due e dopo da 5 steward, per la gioia del Cams, l’organismo che controlla le manifestazioni sportive.

                                 (Lino Marmorato)