Stampa
15
Apr
2009

CALCIO. 31∞ GIORNATA DI CAMPIONATO. I PENSIERINI DI LINO MARMORATO

Pin It

Nella Giornata del silenzio, solo un minuto ,  in onore delle vittime del Terremoto andrà in archivio: dalla solidarietà per l’Abruzzo alle risse dentro e fuori dai campi. Il Genoa dentro l’uovo di Pasqua , che “asfalta” la Vecchia Signora ,   non è stato una sorpresa, e tutti i paragoni (a livello nazionale) al Barcellona non sono sprecati per quanto il gioco e l’organizzazione tattica di Gasperini, anche se la differenza tra Messi Eto e Henry è evidente. Il Grifo crede in se stesso, con un calcio moderno, tutto in profondità e triangoli, mai orizzontale e  il quarto posto è meritato, e chissà …….se non avesse perso le prime tre partite in trasferta all’inizio del campionato  cosa sarebbe successo ?

Sugli scudi il Siena che vince a Bologna  e strapazzato il Bologna in trasferta.

Milan,  Fiorentina vincono, ma non convincono salvati dai portieri Frey e Dida.La Roma perde sonoramente il derby, e Totti c’era. C’era  anche Delio Rossi il tecnico della Lazio che a fine partita ha tirato la sua giacca verso la Tribuna dell’Olimpico, dopo l’ennesima settimana di passione  passata nella terra di S. Francesco in ritiro a Norcia. Tutto ciò per la Champions.
Ma la  lotta per la Champions e l’Uefa ieri ha subito un terremoto da parte del giudice sportivo: le squalifiche di Melo per la Fiorentina 5 giornate, di Mexex della Roma e Matuzalem per la Lazio indeboliscono e non poco le squadre in lotta ,specialmente Melo e Matuzalem perni dei centrocampi gigliati e biancoazzurri.
Sabato Juventus Inter, gara pro forma per Mourinho, ma difficile per Ranieri che se dovesse perdere  metterebbe  a rischio il secondo posto in classifica.
Per l’Uefa l’altalena continua,  aspettando i ritorni della Coppa Italia Tim.
Se lo scudetto grazie all’assist del Genoa è dell’Inter, in fondo la Reggina è in serie B avendo fallito  l’”Operazione 180’”, perdendo al Granillo con Genoa ed Udinese, manca solo la matematica e per le altre due la lotta è tra Lecce Bologna e Torino , con le prime due più in crisi. Il Torino nel giorno di Pasqua è salvato da un gol di Natali; il Bologna spera nel terzo cambio stagionale in panchina:  via Mihajlovic dopo Arrigoni , dentro Papadopulo,  è figlia della mancata esperienza della sua nuova Presidenza Menarini: bisognava cambiare i giocatori e non gli allenatori. La qualità del Bologna è sempre stata scarsa , nascosta solo con i 19 gol di Di Vaio.

Per finire la Samp di Mazzarri  vince contro il Lecce. Mazzarri continua a predicare di voler vincere le altre 7 gare che restano per andare in Europa attraverso il Campionato,probabilmente per spaventare Gasperini, ma la sua concentrazione e  tutta( si spera) per Samp Inter  ritorno di Coppa Italia a S.Siro il  22 Aprile:appuntamento da non fallire partendo dal  3 a 0  del Ferraris. Cassano a Lecce ha dimostrato di essere normale affossa i salentini  e da buon barese e non fa “cassanate” per manifestare la sua gioia. Pazzini  abbatte il  suo  record personale di gol : 10 reti,  9 con la Samp ed 1 con la Fiorentina in questo campionato;  il suo precedente record personale(9 reti) risaliva al campionato 2002/2003 in serie B con l’Atalanta

                                                                        Lino Marmorato