Stampa
05
Giu
2009

CALCIO. A CAMPIONATO FINITO I PENSIERINI DI MARMORATO

Pin It

Finito il Campionato con record di gol nell’ultima giornata 42 realizzati.20 anni fa cadeva il Muro di Berlino, alla fine del questo campionato sono caduti: Ancelotti  via dal Milan al Chelsea, Maldini, Nevded, Figo, addio al calcio. La sindrome Guardiola ha investito le grandi squadre : Leonardo al Milan, Ferrara probabilmente alla Juve. Ibrahimovic, capocannoniere, ma capriccioso con un piano di fuga dall’Inter, non si diverte più nel campionato italiano, non è una questione di euro per uno che ha guadagnato 13milioni di Euro in questo campionato.

Ancelotti lascia il Milan dopo 8 anni, dopo che il Cavaliere gli aveva ingaggiato : Ronaldinho, Shevchenko e Beckam, non uno che gli andasse a genio per il suo  gioco e il  calcio moderno. Adesso sotto con Leonardo che si presenta alla Pepp Guardiola, ma probabilmente senza Kakà, con vista Real Madrid.

Questo campionato ad alti  livelli ha dimostrato, vedi Ferrara alla Juventus, che l’allenatore è un’anello importante, non però cruciale: i giocatori comandano.
In vista del prossimo campionato Mourinho, anche se ha fatto  un punto in meno di Mancini inell’attuale , può stare tranquillo, oltre ad avere una rosa ancor più competitiva, potrà contare sul restauro delle sue dirette concorrenti : Milan e Juventus.

Il Genoa alla  38ma giornata è stato riconosciuto come la vera, grande rivelazione di questo campionato dalle prime pagine della rosea. Tante volte non si è capito il perché  e  Gaspe con il  Genoa veniva alle spalle di Cagliari e Allegri e Palermo e Ballardini: allenatori e squadre brave ma senza continuità.
Il G&G il Genoa e Gasperini in questo campionato ha battuto il Milan e la Juve al Ferraris, ha pareggiato in casa dell’Inter, con il proprio gioco,  e gli sfuma il quarto posto solamente per gli scontri diretti della Fiorentina.
La forza del Grifo 2008/2009 che non ha pensato soprattutto a difendere e che quando attaccava non lo faceva con pochi uomini  e non si affidava mai al talento individuale,alla giocata del singolo  , ma ad una manovra corale e armoniosa.

Probabilmente questo campionato andrà agli archivi perché l’antica paura della sconfitta non ha ostacolato e condizionato  la fioritura di nuovi tecnici ed hanno superato la prova degli ambienti isterici dei loro Presidenti: Ballardini a Palermo che ha sopportato Zamparini, ma  a fine campionato ha  lasciato , e Allegri a Cagliari che ha superato la prova delle 5 sconfitte consecutive prima di iniziare a camminare con il Cagliari senza stampelle.

Mazzarri ha lasciato la Samp in modo consensuale, smentendo molti che lo pensavano attaccato agli euro del suo contratto. Il tecnico di Livorno rispetto al suo passato ha fatto un grande errore pensare prima di  distruggere il gioco dei suoi avversari piuttosto di osare a proporre il suo gioco, come gli era successo in passato: gioco  sempre limitato alle giocate  di Cassano.
Acqua passata per Mazzarri, alla Samp arrivato  del Neri.

Gasperini in questo campionato ha insegnato che un’ allenatore moderno può emergere se ha dalla sua la piena disponibilità dei giocatori che siano vicini per  cultura  alla sua idea di calcio.
Mourinho ha dimostrato  di essere Special solo a parole, ma il prossimo anno potrebbe rendere meglio perché si è inserito nella società Inter: Moratti e compagnia  hanno portato pazienza anche  per l’eliminazione in Champions e pensano in positivo per il futuro

Per gli arbitri,  il campionato considerato la lotta per la Champions, L’Eurropean League , la salvezza  fino all’ultima giornata va in archivio positivamente.
Hanno  sbagliato, tanto , ma  hanno diviso gli errori equamente. Errori risaltati dalla Moviola  uno  strumento come la Teresina al Poker “Bestiale”, che viene montato da uomini e non viene mai sviscerata completamente a beneficio dell’informazione  con tutte le azioni che si sono svolte in una partita: falsando il risultato, molte volte a favore degli audience delle grandi piazze e squadre.

                                                                     Lino Marmorato