Stampa
24
Apr
2009

CALCIO. AL FERRARIS IL CAGLIARI INCONTRA LA SAMP

Pin It

La pancia sarà anche piena, ma non si vede perché il Cagliari ha  liquidato  le speranze del nuovo Napoli di Donadoni. Ma tra il colpo di testa di Jeda e il gran gol del 2-0 di Lazzari, bisogna fare i complimenti anche a Marchetti, il portiere rivelazione del campionato,  che ha negato  a Lavezzi la rete del possibile 1-1:  avere un buon portiere è un merito, non fortuna, come insegna l'Inter.
Il Cagliari batte il Napoli e tiene accesa la speranza di andare in Uefa. I tre punti valgono il sorpasso sulla Lazio, anche se il gap con la Roma rimane invariato (-5);  anche se dopo i risultati della Coppa Italia tutto diventa più difficile.
Mancavano  contro il Napoli  tre quarti della difesa cagliaritana  (squalificati Lopez, Canini e Agostini, al loro posto Astori, Bianco e Pisano) e il regista (Conti, sostituito da Parola), mentre in avanti ha fatto  giocare  Jeda e Matri, con Cossu alle loro spalle. . Nel primo tempo Allegri ha  dato  una lezione di calcio all'ex Ct della Nazionale, facendo spellare le mani all'entusiasta pubblico del Sant'Elia.
In Cagliari Napoli  la vera sorpresa è stata  la posizione delle pedine di Allegri. Matri non ha    fatto  il centravanti, ma è  partito largo a sinistra, Jeda è il suo omologo sulla destra , mentre Cossu si è  inserito  nello spazio andando a fare il centravanti aggiunto sul possesso rossoblu. Sarà un caso, ma il vantaggio dei sardi, dopo 5', arriva così: cross mancino di Matri e colpo di testa vincente di Jeda, su un taglio da destra.
E’  Jeda '  il giocatore più in forma  degli isolani, in stato di grazia e con le sue giocate ha  determinato  l’esito del partita con il ciuccio.
Il modulo preferito dal Cagliari è il  4 3 1 2, provato anche nell’amichevole di metà settimana. Recuperato il portiere Marchetti indubbio fino ad ieri, non avendo partecipato all’amichevole;  rientrano da squalifica: Canini ,Agostini e Capitan Conti, che saranno in campo contro la Samp. Solita staffetta in attacco  tra Acquadresca e Matri in attacco.

                                                          Lino Marmorato