Stampa
21
Ago
2009

CALCIO. IL GENOA TORNA IN EUROPA E BATTE I DANESI DELL'OB

Pin It

Il Genoa torna in Europa dopo 17 anni, Lucho Figueroa torna al Genoa dopo 3 anni. La Nord e la Sud , i distinti sono stati la scenografia europea più bella di tutta l’Uefa degli ultimi anni, ed hanno emozionato non solo i colori rossoblu , ma anche quelli dell’OB. Il Genoa quando gioca alla Gasperini non ha paura di nessuno , quando il Grifo gioca corto, effettua un pressing asfissiante, i raddoppi e le diagonali , le marcature a scalare , affidandosi alla capacità e tecnica collettiva con passaggi veloci, il Vecchio Balordo se la gioca con tutti non solo in Italia.
Per fare tutto ciò occorre una grande tenuta atletica, e questo non poteva succedere con l’OB, al 20 di agosto, con 32° di temperatura  alle ore 20.30(serata più calda dell’anno 2009).

Genoa si è visto a sprazzi,  ma la mano di Gasperini si è vista e bene.
Gasperini si è affidato alla vecchia guardia ed ha avuto ragione, anche se l’emozione dell’Europa ha fatto tremare le gambe a personaggi come Milanetto e Juric nei primi momenti della partita.
I nuovi: Amelia è un buon portiere ma dovrà imparare alla svelta  la gestione dei pali quando il pallone è lontano dalla sua porta e gli avversari possono fregarlo con tiri dalla lunga distanza;  Moretti diventerà il play maker importante della difesa rossoblu, l’esperienza non gli manca, si ritrova come ai primi tempi con il Valencia quando  fu  costretto giocare centrale perché la corsia di sinistra era occupata da Carboni e Fabio Aurelio.
Palacio dalla Bombonera del Boca al  Ferraris non ha trovato differenze. Palacio nell’uno contro uno è bestiale: puntava Sorensen (non l’ultimo arrivato dell’OB)a destra e lo saltava a sinistra, quando il danese lo ha capito , lo puntava a sinistra e lo saltava a destra. Bravo anche in alcuni ripiegamenti alla Gasperini(stesso lavoro fatto da Jankovic e Palladino in passato), di buon auspicio per il gioco del Grifo. Adesso bisogna avere pazienza di aspettarlo, non bisogna bruciarlo, e reduce da 5/6 mesi di pubalgia pesante, la cura Pilati/Trucchi per i suoi muscoli addominali lo riporterà ad essere la “gioia” che tutti i tifosi rossoblu si aspettano.

Figueroa, lo metto tra i nuovi. Finalmente i tifosi rossoblu, come nella Bibbia possono ammazzare il Vitello grasso, è tornato Lucho. Adesso tocca a Lucho e al suo entourage capire che potrebbe essere iniziato  un nuovo capitolo della sua storia, e non solo in rossoblu. Dovrà accettare la concorrenza con gli altri attaccanti rossoblu, quando saranno guariti, fidarsi dei suoi piedi ed attaccarli al suo cervello: la sua classe non si discute.
Di Zapater e Kharja rimandiamo i giudizi, probabilmente a domenica sera contro la Roma.
Il gol , anzi l’autorete, potrebbe rovinare i piani del Genoa in Danimarca ?
Il Genoa è più forte dei danesi tecnicamente e tatticamente, ma  non dovrà fidarsi  di questo OB.
I danesi sono stati una sorpresa per tutti,, la squadra nordica a marcato ad uomo sia in difesa che a centrocampo Milanetto e Juric.
Per chi mi segue Gislason e Andreasen, i due under 21 nordici non sono stati una sorpresa,  meriterebbero di  giocare nel Genoa o in altri campionati.
Per i più scettici l’Ob dopo cinque giornate di campionato ha già subito 7 reti, nel  suo primo spareggio European League contro i macedoni del Kosice ha incassato 3  reti; per chi ha visto la partita del Ferraris la difesa dell’OB è il reparto più statico e debole della squadra: allora non bisognerebbe fasciarsi la testa in anticipo, per l’autorete subita al Ferraris ieri sera.
Al Fionia Park attaccheranno a testa bassa, ma lasceranno anche tanti spazi ai rossoblu.
Calcio mercato: Preziosi smentisce  ai microfoni delle radio e tv  non solo genovesi l’imminente ingaggio di Amantino Mancini dall’Inter, ma l’Inter lancia  l’ interessamento del Genoa.
Dell’ingaggio di Mancini al Genoa lo sapevano tre persone rossoblu, mai ieri l’Inter ha fatto trapelare la notizia tramite Sky.
La situazione sarebbe già risolta se i nerazzurri nella trattativa non avessero  inserito anche l’ingaggio di Rivas, difensore non gradito(non solo) a Gasperini.
L’altro nodo(non da poco)  convincere  Mancini e il suo procuratore  Mendes:  quello di Pelè(rifiuto del Genoa tesserarlo  non gradito), Quaresma , ma anche quello di Thiago Motta, può darsi all’oscuro di questa trattativa.
Mancini era uno di quei giocatori in attesa della qualificazione E.L, del Grifo  per essere tesserato. Mancini se dovesse riprendere il vizio di giocare a tutto campo, nella selezione brasiliana di alcuni anni fa  era la riserva di Cafù (terzino destro)  , e dimenticarsi di giocare solo in 60 metri di campo sarebbe il “Gormiti” giusto per far volare il Vecchio Balordo anche nel prossimo Campionato.
La speranza che tutto non si sia saltato  in aria per uno “sgoubb”biscardiano !

                                                               Lino Marmorato