Stampa
06
Apr
2010

CALCIO. MENO CINDUE AL DERBY DELLA LANTERNA

Pin It

E’ partita la caccia al Derby della Lanterna in programma domenica 11 alle ore 20.45 sempre con le stesse modalità fuori da Bogliasco e da Pegli:  sui giornali inchieste tra i tifosi ed amarcord . Sui campi da oggi pomeriggio,  Del Neri e Gasperini  oltre ad acuminare le tattiche, conoscono bene gli habitat dentro e fuori che hanno pretese molto particolari,  e in vista della stracittadina dovranno lavorare più sulla psiche che sulle gambe,  a sei giornate dal termine del campionato.
I tre ultimi derby persi dalla Doria e vinti dal Grifo potrebbero avere in positivo ed in negativo rimbombi  nelle teste dei calciatori.
La Samp è tornata dal Bentegodi di Verona battendo il Chievo   con il quarto posto in classifica.   La Doria ha   fiducia in se stessa se è  arrivata  al 5° risultato in trasferta anche con il turnover.
Del Neri lo merita di essere lassù  in classifica e  adesso è atteso alla  prova difficile del Derby che non si gioca solo sul campo ma anche con la testa.
Del Neri contro il Genoa ha pochi dubbi di formazione, anzi zero: giocheranno coloro
che a sei giornate dal termine del Campionato la fanno sognare da “Campioni”. 
Il Genoa di Gasperini punta il derby di domenica prossima per ripartire.
Solo la stracittadina  sotto la Lanterna potrebbe fare ritrovare forze inattese ai rossoblu, in apnea, di giocatori infortunati( 7 con Suazo l’ultimo stirato,  stop di un mese)  e diffidati ,   di risultati e di fiato : i due pareggi contro le due ultime in classifica ne sono la dimostrazione.
Già al Martedì  in molti annunciano la formazione di Gasperini anti Samp avendo il tecnico di Grugliasco gli uomini contati.
Nessuno si aspetta nulla dal trick-box di Gasperini , ma ci andrei cauto.
 Sorprese tra gli infortunati e tra quelli già in formazione  all’ultimo minuto sono all’ordine del Gaspe.
Gasperson nel derby di straforma in “Braweheart Cuore impavido” , inculcando nella testa dei suoi ragazzi : "Possono anche ucciderci, ma non ci toglieranno mai la libertà".