Stampa
28
Feb
2009

CALCIO. MILAN AL FERRARIS CONTRO LA SAMP

Pin It

Il Milan ha battuto il Cagliari alla 25ma giornata di campionato per uno a zero con un gol del fischiato Seedorf.  Ancelotti ha l’ alibi delle molte assenze, ma ha conservato il terzo in classifica contro un Cagliari, sfortunato, che ha colpito una traversa con Cossu,  che nel 2009 ha fermato l’Inter e battuto la Juventus sempre in trasferta,confermando  il suo valor, anche contro il Diavolo.
Milan contestato a S.Siro, soprattutto Seddorf ed Ancelotti  la cui unica colpa è quella di avere troppi infortunati in difesa, ai quali si sono aggiunti: Kakà,Ronaldinho,,Pato Shevchenko e Borriello in attacco.Il problema   del Milan non è in panchina, e se Ancelotti andrà via, il Diavolo dovrà darsi molto da fare per migliorare la squadra fisiologicamente vecchia e stanca.

Contro il Cagliari a S.Siro , viste le assenze, non si potevano aspettare fuochi d’artificio sul piano del gioco, ma qualcosa non ha funzionato tra i rosso neri che in una partita senza centravanti di peso ha continuato a giocare con cross alti  di Beckam ed Jankulosky, per Pippo Inzaghi nella morsa di due giganti isolani: Bianco e Canini. Pippo va lanciato rasoterra e sul filo del gioco per fare la differenza ,anche nei confronti dell’assistente. Il Milan contro il Cagliari ha vinto con due tiri in porta, veramente poco per il raffinato palato della Scala del calcio, che dopo la sconfitta nel derby si aspettava la goleada e non ci ha messo molto a fischiare e a rumoreggiare.
Tutto è continuato anche contro il Werder Brema nel ritorno di Coppa Uefa, Milan avanti di 2 a 0, qualificato si fa raggiungere da due colpi di testa del cileno Pizarro. Maldini saluta l’Europa malinconicamente con un peccato capitale sul secondo gol dei tedeschi. Il Milan saluta l’Europa.
 
Il Milan mostra di non avere le energie e le idee per sfondare la rete difensiva costruita dai tedeschi, sempre molto pericolosi nelle ripartenze. Solo la classe di Pato lo aveva salvato, ma l’Europa è  come la Champions e la “Teresina” a Poker: giocare a carte scoperte è  bestiale e non si vince solo attraverso i singoli.
Contro la Samp, ma già contro i tedeschi, rispetto alla gara contro il Cagliari, sono rientrati  Pato,  Sheevchenko, , Ronaldinho.   Ancelotti potrà scegliere, mai suoi problemi , non sono con gli uomini “spot”, ma con quelli “sport”: coloro che devono fare gioco e correre in mezzo al campo e in difesa.