Stampa
13
Gen
2009

CALCIO. PENSIERINI ROSSOBLU.

Pin It

Genoa finalmente adesso in molti si sono accorti che il Genoa è la squadra che gioca meglio al calcio. L’effetto G:  Gasperini, gol,gioco, godimento, prende anche pagine intere di giornali.Arrigo Sacchi sulla rosea dice:”Grande prova d’orchestra della squadra del Genoa di  Gasperini: il bel gioco va in paradiso”.
Ne siamo orgogliosi, non di aver inventato l’effetto G, perché è abbondantemente propagandato sui giornali spagnoli  per il Barcellona e Guardiola il suo allenatore. L’effetto G,  al Genoa è verità , arriva da lontano, e si possono aggiungere altre G:  Grifo e Gradinata Nord; ma bisogna aggiungere anche una  P :  Preziosi.
Un GP, “gran premio” , che si merita la società , il suo staff tecnico e i suoi Giocatori.
Non è una sviolinata per il Vecchio Balordo, ma una constatazione  di fatti , che hanno continuità ,che arrivano da lontano e cresciuti giorno dopo giorno dall’arrivo in rossoblu della famiglia Preziosi e della loro osmosi con Gasperini..

Basta partecipare con assiduità agli allenamenti del Genoa e frequentare  Villa Rostand  per capire che il vento in casa rossoblu è cambiato.
La continuità di risultati, non solo domenicali, difficilmente nel calcio arrivano per grazia ricevuta. Adesso importante per tutti non porsi limiti  ma restare con i piedi ben piantati per terra.
Il Genoa non è Milito dipendente, ma neanche Milito esente. Il Genoa per ottenere risultati è dipendente del suo Gioco, dei suoi Giocatori,che producono Gol, per il Godimento dei suoi tifosi.
Oggi partita qualificazione Coppa Italia  contro l’Inter a S.Siro. L’Inter e Mourinho per giocare questo ottavo di finale contro il Genoa si è scelta la data,per non giocare contro il Genoa durante il force tra Campionato e  Coppe.
Genoa senza punte a S.Siro, ma Mourinho teme l’effetto Gasperini e le sue scelte tattiche. Gasperini contro l’Internazionale di Milano potrebbe anche schierare il suo “Harry Potter “, El Shaarawy.16 anni egiziano di Savona.
Mou teme il Genoa e le tattiche di Gasperini. Nel preparare questo ottavo di finale, ieri alla Pinetina ha curato molto la parte tattica .Giocherà a rombo, senza Materazzi Cruz,squalificati e Cordoba, Stankovic e Viera infortunati.
Schiererà Toldo in porta, difesa a quattro con Maicon  Burdisso, Samuel e Maxwell, centrocampo a tre con Zanetti Chivu e Muntari(in dubbio), Jimenez dietro le punte
Crespo e Adriano davanti. Ibraihmovic in panchina e Balotelli in tribuna non convocato. Senza Muntari in campo abbassamento di Jimenez a centrocampo dietro le punte Mancini o Figo.
Gasperini che non ha portato la squadra in ritiro, senza Thiago Motta(in netta ripresa dopo la capoccaciata da gol contro il Torino), Milito  e gli altri infortunati da lungo tempo, dovrà fare i conti con la tendinite di Olivera e la febbre di Jankovic.

Gasperini non è spaventato dall’Inter ed anche senza punte si affiderà alla duttilità e alla corsa dei suoi giocatori con : Scarpi in porta, difesa a tre :  Sokratis in ballottaggio con Biava e Ferrari(ma i due esperti difensori potrebbero giocare entrambi ) e  Bocchetti, squalificato a Lecce. Centrocampo a quattro con Rossi Milanetto, giocherà Juric subito ( in base al risultato la possibile sostituzione), Modesto a sinistra; attacco inedito con Vanden Borre,Sculli e Mesto.
Squadra che si può trasformare tatticamente in corso di gara in qualsiasi modulo tattico,adeguandosi agli “stress” tattici dello special one.