Stampa
11
Mag
2010

CALCIO. PENULTIMA DI CAMPIONATO TRA PERDONI E OTTUSITA'

Pin It

37ma giornata, penultima di campionato,  quella del perdono a Totti e a Balottelli. Quella del trillino  sui campi grazie al calcio senza anticipi e posticipi. Quella della miopia o  mancanza di acume da parte del Cams ed Osservatorio sulle manifestazioni sportive pronta  a proibire a 23000 spettatori di cui 1000 bambini associati in club, che avevano già pagato il biglietto,  a non salutare i propri beniamini, chiudendo il Ferraris. Stadio meno a rischio rispetto a quello che è successo in questo campionato ad altre latitudini.
I verdetti mancanti  solo in testa alla classifica .
 
Mourinho difficilmente sarà fermato da Mezzaroma e vincerà lo scudetto.
La Roma deve essere felice che con i prestiti di giocatori e milioni di debiti  è riuscita ad insidiare la corazzata Inter fino all’ultimo, grazie al “testaccio” Raineri.
Ancora un posto per la Champions , con il Milan matematicamente  terzo e godurioso anche dopo la sconfitta contro il Genoa.
Per i preliminari di Champion, cioè quarto posto in classifica,  altri 90 minuti di ansia da parte della Samp e del Palermo.
Samp contro il Napoli già in Europa senza passare dai preliminari, ma contro Mazzarri, e Palermo a Bergamo contro l’Atalanta retrocessa ma contro i paesani di Bossi.
I rischi che corre la Sampdoria  e il Palermo sembrano minimi, hanno però entrambe il peso di dover vincere per raggiungere l’obiettivo.

Il fallimento della Juventus è stato a piombo dalla dirigenza ai giocatori.
Arriva 7 in classifica  la Vecchia Signora e farà la sauna E.L. , senza che si possa addebitare colpe agli allenatori Ferrara e Zaccheroni.

Terza,  squadra retrocessa in B  l’Atalanta, con Siena e Livorno.Si salvano Bologna, Catania Lazio e l’Udinese con il capo cannoniere del campionato: Toto Di Natale  28 reti in campionato.

Osservatorio delle manifestazioni sportive e Cams orbi, sordi ,   che tendono a dividere il mondo del calcio con le loro decisioni assurde ,  rendendo alle forze dell’ordine, ai Prefetti , ai tifosi di calcio una vita difficile: paradossalmente finiscono la loro opera in questo campionato spacciando una  carta bancaria  pre-pagata  per una  tessera del tifoso.
Il Genoa con i suoi 51 punti in classifica conferma di aver fatto  un mezzo miracolo, considerato che all’ultima di campionato giocherà a Catania  la sedicesima partita in stagione  senza 6/7 titolari.