Stampa
13
Ott
2009

CALCIO. RIPARTE IL CAMPIONATO. TANTE LE SORPRESE

Pin It

Il Campionato Italiano che porta al Mondiale del Sud Africa in queste prime sette giornate non ha sparato fuochi di artificio.In questo , quasi, primo quinto del campionato si è notato soprattutto: prati di pessimo livello, , anticipi e posticipi che sembrano essere un’ attentato ai muscoli dei calciatori, errori arbitrali, ma solo raramente  chiariti in serata  dalle moviole ,   e tanta inciviltà sugli spalti.
L’unica novità  di questo inizio campionato è la Samp in testa alla classifica.  La domanda di tutti,  durante questa sosta per la nazionale ,  se la Doria riuscirà a restare in testa ancora per quanto tempo.
Altra negatività del Campionato 2009/2010  ,  la mancanza di giuoco.
Per molti il Campionato italiano  ha un sola regola: vincere, partecipare non conta.
Le sorprese  per adesso  arrivano tutte da sotto la Lanterna.
Si aspettavano   Eto’o  e Diego e in vetrina ci sono Poli  della Samp e Zapater del Genoa.
Tatticamente:  Del Neri, con la forza della sua idea, il 4 4 2 che copre tutto il campo si trova in testa alla classifica .

Tatticamente :  in queste prime sette giornate hanno brillato il Chievo di Di Carlo con la sua organizzazione e il Bari di Ventura che ha pareggiato a S. Siro contro Inter e Milan, ma con un grande difetto segna poco.
Tatticamente:  l’altra rivoluzione arriva da Udine, Marino il trainer dei friulani  ha messo in cantina il suo  calcio frizzante rifugiandosi ,  senza  Quagliarella,  in un classico 4 4 2.
Prandelli, orfano di Felipe Melo ha trasformato la Fiorentina in 4 2 3 1 lasciando via libera all’estro di Jovetic.
Zenga e il Palermo  all’ultima contro la Juventus hanno stupito tutti.
Il Ragno nero ha tolto un difensore, giocando con una difesa siciliana schierata  a tre  calciatori ,contro l’attacco atomico  della Signora, e rafforzando il  centrocampo con un’ uomo in più:  un modulo  3 4 1 2 che ha ubriacato al Barbera la Vecchia Signora. 
Il risultato ha dato  ragione a Zenga , ma non si è capito se  per suoi meriti  o per  le polveri bagnate di Amauri ,  ormai e a secco di gol  da 7 mesi.

Tatticamente:  Gasperini  non ho l’ho nominato, il gioco del Genoa ormai  è una datata garanzia.
Ma anche in questo inizio di campionato Gasperini ha lasciato qualche segno.
Il tecnico rossoblu ha capito che nel calcio di questi tempi ci vuole sempre un’invenzione per mescolare le carte del giuoco. 

L’altra novità in questo inizio di campionato che la stimata Scuola dei portieri Italiana è tornata: Consigli dell’Atalanta, Marchetti(Cagliari), Amelia(Genoa) si candidano ad essere protagonisti, e di giocarsi il posto di vice Buffon, non solo al prossimo Mondiale Sud Africano.
Castellazzi(34 anni) sta vivendo la sua stagione migliore con la Doria.
Un altro portiere alla ribalta e Sirigu del Palermo che arriva dalla ex serie C : la bocciatura da parte di Zenga , che di portieri dovrebbe capirne,di  Rubinho, dispiace.  Ruby ha fatto un’ errore  , in questo ultimo periodo aveva pensato più a parlare che a parare.
Una domanda:  ritornerà di moda nel campionato italiano il trequartista ?
Per adesso sembra indispensabile(Snejider) solamente per l’Inter di Mourinho.
L’ultima inchiesta della Gazzetta lascia perplessi molti tifosi italiani il  titolo: “Il Grande spreco 150milioni di Euro tra panchine e Tribune”.

Molta amarezza per questa inchiesta perché si scopre che 118 giocatori non hanno giocato neanche un minuto o pochi scampoli di partita in questo inizio di campionato. Tanti  infortuni , ma tante scelte tecniche,  i nomi  famosi bocciati   : Dida,  Natali, Pasquale,Mancini, Mundigay, SAlmiron, Baptista e Suazo, ecc.
In questo spreco non giocano  Gasperini che non ha utilizzato solamente  il giovane El Sharawy, i due portieri Scarpi e Russo, e Jankovic infortunato e neanche Del Neri,
con i soli  Franceschini e Pozzi , Foti  e tanti giovani ai box..
Genova in questo campionato emerge anche per l’oculatezza nel gestire le rose e i calciatori.