Stampa
25
Mar
2008

CALCIO. SAMPDORIA CAGLIARI 48 ORE DOPO. PENSIERINI

Pin It

Per parlare di Samp Cagliari, dopo 48 ore bisogna risalire alle parole di Mazzarri al termine di Milan Samp di mercoledì scorso:” La Samp se vorrà raggiungere dei risultati deve continuare a giocare gara per gara e non sbagliare approccio con nessun avversario”.
Mazzarri conosce bene la sua squadra e dopo la bella vittoria alla Scala del calcio si aspettava un rilassamento e prevedeva anche un Super Cagliari.
La  Samp quando gioca lenta, abulica ,come contro gli isolani rossoblu, diventa prevedibile e fa fatica  trovare gioco, mai eccelso neanche nelle altre prestazioni, ,  ed emozioni.
Non ha funzionato il centrocampo  della Samp contro il Cagliari: il trio cagliaritano Biondini,  Conti,  Del Grosso non hanno mai concesso spazi e metri  a Palombo Volpi e Franceschini.
La condizione fisica ha sicuramente fatto prevalere il Cagliari a centrocampo con palloni recuperati ,partenze rapide e buone idee di gioco.

Semplice domanda:  E’ solo merito degli uomini di Ballardini, o  qualcosa ci hanno messo anche i blucerchiati ?
Probabilmente ha ragione Mazzarri.  Volpi e Palombo non riescono a coesistere nel modulo con 5 centrocampisti: Volpi cerca di dettare i tempi,  far girare il pallone, ma sempre per vie orizzontali, mai cercando la profondità. Palombo da mezzala di vecchio stampo non rende come davanti alla difesa, un conto è difendersi come a S.Siro un altro impostare e fare gioco. Se a tutto ciò aggiungiamo la fatica di Franceschini a rincorrere Biondini e la giornata no di Sammarco che dovrebbe aiutare Bonazzoli e non lo fa mai, perché non gradisce il ruolo. Non girando il centrocampo ne ha risentito  anche la difesa blucerchiata  impacciata e qualche volta goffa contro le mezze punte cagliaritane: Jeda e Foggia, mai  chiuse dalle diagonali di Maggio e Pieri. 
Graziata  la squadra blucerchiata,non solo dall’assistente,  è stata brava a salvarsi in extremis e conquistare un punto utile in chiave Europea. La grinta  è la positività della gara contro il Cagliari, e alla fine il pareggio è arrivato.
Adesso 8 gare per capire non solo gli obiettivi della Samp, ma anche decisivi,visto e considerato che la squadra non è Cassano- dipendente, se il Pibe de Bari ha capito la lezione delle 5 giornate di squalifica.
I suoi piedi non si discutono, ma il suo comportamento potrà essere valutato con calma: i 5milioni e mezzo di euro al Real Madrid, bisognerà portarli a fine giugno.

Cassano ancora assente contro l’Empoli domenica prossima, rientrerà fra quindici giorni con il Livorno. Cassano avrà da superare un altro esame:  con l’Italia di Donadoni, quasi fatta per tutti i giornali specializzati  in vista degli Europei, sarà interessante vedere la sua reazione,  ad una probabile bocciatura .