Stampa
29
Gen
2009

CALCIO. SAMPDORIA LAZIO 3 A 1. INTERROTTA L'ASTINENZA AL FERRARIS

Pin It

Samp Lazio 3 a 1 .Meritata vittoria della squadra di Mazzarri. Samp che ritorna alla vittoria con la regola del “3”  del Ferraris dopo due mesi di astinenza. Samp generosa e brava a capitalizzare i momenti di sbandamento dei laziali. Samp incerottata 7 tra infortunati e squalificati, più Padalino dopo 15’ di gioco, ma Samp con il carattere del suo Capitano Angelo Palombo che è tornato a guidare il centrocampo blucerchiato.

Torna Cassano e torna la luce al Ferraris, anche se a corrente alternata, ma  nel momento del bisogno Peter Pan con una sua magia stende la Lazio.
Adesso si parlerà  di più della crisi della Lazio ,7 gol in tre giorni incassati dalla difesa,squadra senza testa e senza gambe,  che della Samp che è stata abile a cercare e trovare questa vittoria con il sesto gol di Cassano, ma anche  attraverso il suo gioco impostato da Palombo che ha liberato  Pieri Ziegler e Dessena e compagnia  dall’incombenza di doversi  preoccupare  di  chiudere in fase difensiva,ed essere pronti in fase di ripartenza.
Primo tempo,  Samp più propositiva ,anche se dopo il pari di Rocchi, gli uomini di Mazzarri, danno l’impressione di chiudersi, limitando gli schemi al classico pallone a Cassano.
Bravo Mazzarri nel  preparare la gara sulla “burrosa” difesa Laziale.Solo 13’ minuti per aprirla con Del Vecchio lasciato libero nel mezzo dell’area bianco celeste. Bravo Mazzarri a non spaventarsi della compagnia in panchina : 6 primavera.
Samp Lazio  un’altra nottata  da Cassanite acuta per tutti . Sbagliato perché la Samp per funzionare deve avere tutti i cuscinetti a posto e ben oliati nelle sue ruote. Cassano che non è sprovveduto,  intelligentemente  al momento del cambio ha abbracciato due persone:  Palombo e Mazzarri,dividendo la stand  ovation con loro.

La partita con la Lazio oltre a dire che Cassano e Palombo ci sono ha detto anche che i giovani della Primavera blucerchiata Mustacchio e Marilungo non sono degli sprovveduti ed hanno anche del carattere. Se in serie A ci sono i Balotelli, i Giovinco, i De Ceglie e compagnia ci possono stare anche loro .Samp Lazio ha portato alla ribalta anche Stankevicius nella difesa a tre, e il Lituano sembra rendere meglio che sulla corsia laterale a tutto campo.
La Samp c’è,  quando ci sono i suoi “tenori”, adesso il vero problema blucerchiato  sarà quello di trovare la continuità  e non solo della  squadra ma anche quella di Cassano.

Domenica con il Chievo l’occasione giusta per allontanare i fantasmi della Zona rossa e dopo concentrarsi su due obiettivi per rigenerare la stagione fallimentare in campionato  di partenza:  l’Uefa e la Coppa Italia.Per  fare tutto ciò la Doria dovrà arrivare alla svelta ai 40 punti in classifica.
Contro il Chievo rientrano Pazzini e Sammarco. Il rientro del Pazzo è importante per Mazzarri, il buon Bellucci è ancora in ritardo, e non per il rigore sbagliato, ma per alcune combinazioni non finalizzate con Cassano: intuite con la testa  ma non raggiunte  con le gambe.