Stampa
24
Set
2009

CALCIO. SAMPDORIA PERDE IL PRIMATO CONTRO LA FIORENTINA

Pin It

Fiorentina Sampdoria 2 a 0. La Viola risorge dopo la magra dell’Olimpico contro la Roma di domenica sera e porta a casa una importante vittoria contro una buona Samp,  nei primi venti minuti di giuoco.
La Fiorentina ha vinto perché ha fatto la Samp delle prime quattro giornate di campionato: movimenti,  giusti, buono  utilizzo delle corsie laterali, chiusura degli spazi e cambi di giuoco.
La Samp nel primo tempo ha fatto una partita da mono-fascia quella di sinistra, nessuno pallone giocato sulla destra e l’assenza di Semioli ha pesato nell’economia del gioco di Del Neri che quando gira in fase difensiva e offensiva porta la Samp ad aver superiorità numerica in ogni parte del  terreno di giuoco.
Probabilmente per merito della Fiorentina alla Samp al Franchi sono mancate le distanze tra i reparti e troppo lo spazio tra centrocampo e attacco .
Palombo e Tissone troppo schiacciati al limite dell’area preoccupati dal JO-JO- di Jovetic, e  rispetto alla gara contro il Siena si sono viste meno ripartenze da parte di Palombo mal supportato da Tissone.
Cassano ha fatto buone giocate, ma il  problema di Cassano non è quando è in possesso di pallone, ma quando non viene servito dai compagni, e mal coadiuvato da Pazzini che l’aria di Firenze lo anestetizza.

Nel secondo tempo troppo presto Del Neri a tentato alchimie tattiche che non fanno parte del suo Dna .
Sotto per uno a zero fare uscire gli esterni Padalino(decisione giusta) Mannini(decisione sbagliata ) Stankevicius in difesa per far entrare Pozzi, Ziegler e Poli(il migliore nel secondo tempo) schierando la Doria con un’ inedito 4  3 3 , regalando  le corsie laterali alla Viola con  Marchionni sulla destra e soprattutto quella di sinistra a Vargas.
Il  centrocampo della Fiorentina  contro questo modulo azzardato della Doria  è andato a nozze:  Donadel, Zanetti e il subentrato  Montolivo   bucavano la difesa della Samp  sugli esterni con cambi di gioco facilissimi di lunga gittata   con Castellazzi costretto  a fare atri  straordinari. 
Nei due gol incassati dalla Samp  nuovamente sotto accusa la difesa.
Nel primo gol Jovetic ha colpito di testa appena fuori  dall’area di porta  con il blucerchiato più vicino a 4 metri; nel secondo Vargas pressato da Zauri ed un altro compagno ha crossato dal fondo e Gilardino ha realizzato mentre Marco Rossi e Gastaldello si scambiavano la marcatura di Gila ,  con il pallone in movimento.
Dopo 4 vittorie consecutive la  Samp poteva anche   perdere contro una Fiorentina così motivata anche  da molti problemi societari, adesso è importante metabolizzare per tutti , anche se sabato di scena al Ferraris ci sarà l’Inter,  le parole di Del Neri a fine gara:” non ci esaltavamo prima, non ci abbattiamo adesso, Dobbiamo essere sereni, consci di quello che possiamo  fare”.
E’ vero che gli esami nel calcio non finiscono mai, ma aver  presentato Fiorentina Sam ,dopo 5 giornate di campionato come un esame di Laurea della Doria è stato troppo prematuro ,  e dopo il risultato del Franchi a favore della Viola sarebbe un altro errore rimandare la Samp.
Il calcio non è  come la matematica, ma neanche come la filosofia e il proseguo del campionato dirà dove potrà  arrivare la Samp allenata da Del Neri.
Il tecnico Friulano dovrà lavorare molto non solamente in difesa, ma anche in altre parti del terreno di giuoco:  è bastata l’assenza di Semioli per non far girare a pieni giri il motore della Samp a Firenze.