Stampa
05
Set
2007

CAMPIONATO DI CALCIO E DIRITTI TELEVISIVI LE ULTIME INDICISCREZIONI

Pin It
Calcio = politica.
Cobolli Gigli Juventus “spera che non sia la vittoria di Masaniello”. Galliani Milan”governo che va avanti a colpi di maggioranza ”Paolillo Inter”alla lunga salterà tutto il calcio”.
Tutto ciò è stato dichiarato al termine della riunione di Lega che non ha eletto Coboldi Gigli come consigliere della Lega Calcio, al suo posto Ghirardi del Parma. Juve , Milan, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina vanno sull’Aventino e minacciano la nascita della SuperLega.
Il casus belli è la mancata di uno delle grandi in Consiglio di Lega, la verità è che le 6 sorelle, si sentono padroni del vapore Galliani”abbiamo 84% della tifoseria”, hanno paura del colpo di mano per il prossimo accordo sui diritti televisi.
Tutti in tempi di “Calciopoli” hanno votato un regolamento che prevede la maggioranza semplice e non qualificata,tre quarti per approvare decisioni in Lega, appena le piccole società hanno dimostrato di essere compatte ,addio democrazia.
Basta ! con questo strapotere delle grandi ,dal 45 ad oggi hanno sempre vinto loro  perché  si sono sempre divise le torte pubblicitarie,diritti Tv,ecc,con  i proventi hanno acquistato i giocatori migliori.
Diano la possibilità alle altre, tramite i diritti televisivi , di poter investire sul calciomercato sicuramente il calcio italiano riprenderà vigore, e può darsi  che se tutte le Società avessero la possibilità di ingaggiare non Tizio Caio e Sempronio, l’84% tanto caro a Galliani sarebbe ridimensionato e qualche tifoso non avrebbe due squadre nel cuore.
Si spera che una  Legge , quella  sui diritti televisivi, per una volta venga rispettata.
La B minaccia lo sciopero ad oltranza, per i diritti televisivi  che non arrivano. Grave errore della Lega e di Matarrese lo scorso anno quando in cadetteria c’era Juve Genoa e Napoli, non vendere i diritti tv della B almeno per  due anni.
MOGGIOPOLI sotto l’albero di Natale. Il 15 dicembre fissata la prima udienza del Gip che deciderà se procedere contro i 37 rinviati a giudizio. Per quelli che sono stati rinviati a giudizio per Associazione a delinquere, sono circa 20, non ci sarà la possibilità  di ottenere l’indulto,la legge che ha annullato le condanne per reati minori, per gli altri accusati di frode sportiva in concorso tutto verrebbe annullato .
Gli avvocati dei vari Moggi Mazzini Pairetto, De Sanctis cercheranno di trasformare tutto in frode sportiva in concorso,contestando intercettazioni telefoniche svizzere, con la speranza che i magistrati di Napoli Beatrice e Narducci, non tirino fuori le schede telefoniche del Liechtenstein.

IN COLLABORAZIONE CON RADIO NOSTALGIA

Lino Marmorato