Stampa
12
Mar
2009

CHAMPION: KO EUROPEO PER IL CALCIO ITALIANO

Pin It

Champions:  Fuori dall’Europa .KO  tecnico per Inter Roma e Juventus. Le squadre inglesi sono avanti, anche se  il risultato finale di questa Champions , di tre a zero  per gli inglesi , sembra più equilibrato viste le prestazioni delle squadre italiane nelle partite di ritorno. Toccava a Mourinho,Ranieri e Spalletti ridimensionare gli inglesi, ma avendo sbagliato tutti e tre le gare di andata occorrevano imprese per Juventus e Roma  e meno per l’Inter alla quale bastava un pareggio per 1 a 1 .Tutto confermato per il calcio italiano che negli  ultimi  9 incroci con la Premier, prima dell’ultimo turno, non avevano prodotto né una vittoria, né uno misero  gol .

Chi ne esce a testa bassa, ma subito lucido  in conferenza stampa dopo gara, è Mourinho.Il tecnico portoghese ha addebitato l’uscita dall’ Europa che conta a Moratti e compagnia.
Mou  dovrà abbassare la cresta, in Italia vince con l’Inter di Mancini , che poi è l’Inter di Ibra, e alla fine del campionato,  che vincerà , dovrà accontentarsi di una corona normale .

La Roma ha fatto una gara originale, con una squadra atipica. Ci ha provato è  arrivata a rigori, è stata sfortunata alla lotteria dei rigori, ma non è una consolazione. Basta pensare a Pannucci fuori dalla lista Uefa, e Capitano in Campionato dopo le liti di Gennaio ed è  facile dire “tutti i nodi vengono al pettine” specialmente nel calcio. L’ Arsenal rispetto alle altre due squadre inglesi (Manchester e Chelsea) non era di un altro pianeta,il guaio dei giallo- rossi ballare troppo con i nervi.

Inter, Juve e Roma hanno dimostrato che  i propri limiti in campionato mascherati da moviole ed alibi arbitrali, e “prostituzione intellettuale” come dice Mou,  in  Europa  si trasformano in fionde, senza l’aiuto di nessuno. In Europa  una volta eravamo migliori a livello alto (Champions) e scarsi a livello medio(Uefa), qualcosa è successo nel calcio italiano , e non può essere sempre colpa di Moggiopoli. Moggi è  fuori, ma tutti gli altri continuano a rimanere con il sedere attaccato alle poltrone di Associazione Calciatori,Allenatori,Arbitri,Lega e FIGC., e continuare a proporre campionati dove le “quattro sorelle” non vogliono competitività con  altre squadre,per dividersi la torta Champions,  porta ai KO europei.