Stampa
19
Dic
2009

CHAMPIONS: INCROCI DI FUOCO

Pin It

MANCESTER. IL CALCIO VISTO FUORI DAI CONFINI NOSTRANI.  La sfida continua! Proprio come lo scorso anno e` ancora Italia-Inghilterra. L`urna di Nyon non e` stata certo clemente con le italiane, che anche la volta scorsa ne uscirono a pezzi. Siamo sicuri pero` che le inglesi ci avrebbero evitato altrettanto volentieri. Intanto dall’Oltramanica iniziano a preparare il palinsesto scommesse

Pericolo rosso per i viola, o meglio bianco-rosso, i colori del Bayern Monaco. Per la Fiorentina la piu` forte delle seconde che gli poteva capitare.Non credo a Monaco abbiano fatto salti di gioia, ma essendo passati come secondi, per i bavaresi poteva andare decisamente peggio.Per il calcio del Belpase poteva andare meglio. Le nostre scommesse sportive  ahime’, saranno sicuramente piu’ timide.Peccato perche` per le milanesi. I pericoli principali erano proprio Chelsea e Manchester United, oltre naturalmente a Real Madrid per l`Inter e Barcellona per il Milan. Piu` abbordabili sarebbero state l`altra inglese Arsenal, il Siviglia o il Bordeaux.
La Fiorentina avendo vinto il proprio girone ha avuto un`urna decisamente sfortunata. Il possibile incrocio con una tra Stoccarda,Cska Mosca, Porto o Olympiacos, sarebbe stato di certo piu` agevole.

INCROCI DI FUOCO.Sara` un ritorno al passato per Jose` Mourinho, che torna a Stamford Bridge, dove ha scritto un pezzo di storia del Chelsea. Il portoghese affrontera` la sua ex squadra guidata dall`ex rossonero Carlo Ancelotti; per quest’ultimo invece sara` come un derby, dopo i tanti anni trascorsi sulla panchina rossonera.
I due non si sono mai piaciuti. Questo e’ un dato di fatto. I Rossoneri  avranno di fronte il Manchester United, sfida che negli ultimi anni ha visto il ‘’diavoletto’’ di casa nostra dominare sui red devils. Sulla strada della Fiorentina c’e’ il Bayern dell`ex Luca Toni, il quale non sappiamo se da qui a febbraio fara` ancora parte della squadra di Monaco di Baviera, ma c’e’ da vendicare l`uscita della passata stagione nella fase a gironi.
E’ tutto da vedere. Noi staremo di certo trepidanti davanti allo schermo. Speriamo duri quanto piu’ possible, ne va di mezzo sia la reputazione del calcio italiano, che ultimamente arranca un po’ in Europa, sia la pazienza dei tifosi.