Stampa
04
Apr
2011

CHIEVO SAMPDORIA. 0 A 0 SERVE SOLO AI CLIVENSI

Pin It

Chievo Sampdoria 0 a 0 .Partita senza emozioni per un spareggio salvezza ,  per qualcuno preventivato.
C'è da dire però che i clivensi sono degli specialisti  dello 0-0 , ottava x in campionato,  ma lo zero nella casella dei tiri in porta nel primo tempo qualche sospetto lo fa venire.
Pareggio che permette al Chievo  di vedere la salvezza, mentre la situazione della Samp resta critica.
L’ andatura della partita  vista al Bentegodi  tutto sommato comprensibile per il Chievo, che prima del match era a +6 dalla terz'ultima, il discorso è diverso per la Sampdoria che, adesso, è appena a +2 dal Cesena.
L’unica speranza che il pareggio della Samp contro il Chievo e il fermo di emorragia delle 4 sconfitte consecutive porti carattere in casa blucerchiata , ma per salvarsi servirà un altro atteggiamento lasciando da parte l’alibi del caldo e della tensione perché a Verona regge fino ad un certo punto di fronte all’esodo di massa dei propri tifosi con gli occhi da Tigre.
Cavasin deve cambiare rotta nelle  prossime conferenze stampa  le sue  Parole di Venerdì  : “ abbiamo appreso un modulo durante la sosta, dove essere più fluidi nelle giocate , più bravi ad attaccare, il tempi saranno più rapidi e veloci, avremmo più occasioni di trovarci a concludere e a fare gol”,  sono rimaste  a Bogliasco.. 
Le azioni gol, si fa per dire, da ambo le partite di contano sulle dita di una mano.  Nella ripresa, la speranza che sia stata per merito dei cambi, qualche tiro in più : al 19' Palombo pesca Biabiany che di testa sfiora il palo ed è il capitano blucerchiato a impegnare su punizione Sorrentino che compie l'unica parata della partita.  Uribe grazia Curci. 
La soluzione tattica  Cavasin , un punto nelle tre gare sulla panchina della Samp, deve cambiare.
Alla Samp restare  sempre bassa  con il 3 5 2 o 3 5 1 1  ad aspettare le contromosse degli avversari non serve più.
La Samp deve incominciare ad attaccare se vuole salvarsi.
Cavasin deve cambiare la posizione di Maccarone, nuovamente non in giornata anche a Verona, svogliato e non più intenzionato a fare il paracarro davanti alle difese avversarie.
La speranza che Pozzi con un'altra settimana di allenamenti trovi più freschezza atletica, i questi tre mesi di assenza hanno pesato, l’ingresso di Biabiany, al suo posto,  non ha cambiato nulla. Il francese  avrebbe dovuto portare più verve nell’attacco della Doria invece solo confusione, anche se l’unica occasione gol è capitata alla sua testa.
Mister Cavasin:   la chiave per salvarsi sarà la velocità nelle giocate e i giocatori al posto giusto.
Il punto contro il Chievo è un   risultato minimo, bisognava tentare di vincere contro i clivensi per non  andare in battaglia con il Lecce domenica  prossima. I salentini   hanno  schiantato la squadra più in forma del campionato ,l’Udinese,  sul piano della corsa e dei tiri in porta ed arriveranno al Ferraris molto carichi, pronti a sfruttare l’occasione della vita per tentare di salvarsi.
La difesa blucerchiata c’è, il centrocampo anche, , i tifosi ci saranno , la  società anche con i prezzi popolari, adesso il pallone passa a Lei Mister Cavasin  contro il Lecce: gara da vincere con ogni mezzo, potrebbero bastare  i tre attaccanti schierati nel modo giusto per non rimpiangere i punti lasciati nella terra di Giulietta e Romeo, importante non partire con il freno  a mano tirato in attesa degli spazi che gli  avversari non ti concederanno. ( LINO MARMORATO)