Stampa
15
Dic
2010

CINQUE GIORNI AL DERBY DELLA LANTERNA

Pin It

Samp: in 18 in partenza per Budapest, per l’inutile e noiosa ultima  partita di Europa League  contro il Debrecen.  7 baby della primavera tra i convocati, tutti gli esterni e Tissone tra i titolari e le altre riserve.
Di Carlo e Murgita  sulla panchina della Samp Europea. Ciccio Pedone , uno che di derby se ne intende, a Bogliasco ad allenare i presunti titolari della stracittadina
Cassano-Gate : la riposta del Collegio arbitrale  oggi nel pomeriggio o domani.
Fantantonio sempre più lontano dalla Samp , molto vicino al Milan,  con il benestare del Real Madrid, in prestito da gennaio e giugno 2011.


 
Genoa: tutti abili e arruolati, eccetto Palacio e Sculli, per il 103° derby della Lanterna.
Doppio allenamento a porte e bocche chiuse al Pio Signorini. Preziosi a Pegli per caricare squadra e allenatore.
E’ iniziata la caccia alla formazione della squadra rossoblu che affronterà la stracittadina. Per molti bocciatura per Kharja e Palladino, rimandato Veloso.
Nessun squalificato tra i rosso blucerchiati .
In tanti mi chiedono la formazione che manderei in campo domenica sera.
Premettendo:  non sono  un’ allenatore, non vedo  un’ allenamento(due mesi),  per un derby, alla vigilia di Natale e le condizioni della squadra durante le ultime gare, positive  nei secondi tempi,   schiererei una formazione  di peso, dove conterebbero poco i numeri tattici, ma tanto  la sostanza e la grinta.
Eduardo pin porta, Chico, Dainelli, Ranocchia, Kaladze(Moretti), Rafinha, Rossi, Milanetto,Criscito, Veloso alle spalle di Toni.
Tatticamente un 4 4 1 1 che permetterebbe di sfruttare la fisicità, che non farebbe piacere a Garrone, e Veloso sui calci da fermo, il suo tiro da fuori, la sua qualità nell’ultimo passaggio,  senza dover rincorrere l’avversario.
Squadra corta  per facilitare in fase difensiva la collaborazione tra i giocatori con pressing e raddoppi.
Squadra corta in fase offensiva con passaggi veloci ,precisi, con la possibilità di far partecipare tutti con i loro inserimenti,  senza  mai concedere spazi  e marcature blande. Non lasciare campo agli avversari.
 
 
Nei bar, negli uffici, su Internet  sembra il Derby  con il “giuoco del cerino”.
Il  lodo Cassano, l’ Europa mancata nuovamente , investimenti futuri in prospettiva solo per un nuovo stadio per la Samp;  Campagna acquisti non indovinata, scambi e pluslavenze per il Genoa, cambio di Gasperini in corsa e  non ad inizio stagione, potrebbero  far bruciare le mani a chi perderà il 103° derby della Lanterna.
Al derby Samp e Genoa arrivano  con una sconfitta e una botta alla loro autostima.
Importante in questa settimana anche a porte chiuse e bocche cucite,  recuperare al meglio oltre le condizioni fisiche anche quelle psicologiche.
Lo striscione esposto dai tifosi sui gradoni del Pio  è chiaro: “Noi con la  Voce, Voi con la rabbia”.
Genoa e Samp hanno perso contro Napoli e Brescia con un solo tiro degli avversari, ma hanno anche  manifestato le loro magagne  tecnico tattiche specialmente nel cercare la via della rete.
Importante per i giocatori che dovranno attraversare oceani o fare lunghi voli per passare il Natale a  casa che la concentrazione sia sulla partita e non sulle vacanze.
Derby alla  17ma giornata di campionato  sembra lasciare   indifferenti anche i cabalisti.
 
                                                  LINO MARMORATO