Stampa
11
Mar
2011

CLIMA ROVENTE PER CATANIA SAMPDORIA

Pin It

 Catania Sampdoria. Assalto allo spogliatoio  dei siciliani dai tifosi inferociti prima della partitella in famiglia di ieri pomeriggio. Cori, fumogeni, razzi  e striscioni pesanti come ammonimento in vista della prestazione di domenica prossima.  Richiesta di colloquio da parte dei capi tifosi  con il tecnico Simeone, subito esaudita, per far svolgere l’allenamento.
Clima rovente per Catania Sampdoria di domenica  pomeriggio e il designatore degli arbitri,  come Ponzio Pilato, ha fatto scendere in Sicilia a dirigere la partita Rizzoli,  il suo numero uno a disposizione.
Simeone contro la Samp non farà esperimenti e si affiderà al nucleo meno sperimentale.
Ricchiuti subito in campo alle spalle del duo argentino Maxi Lopez,  Bergessio, ma con un piccolo difetto nel  centrocampo:  tre giocatori di qualità, ma di poca quantità con Schelotto e Lodi ai lati di Carboni davanti alla difesa. El Cholo Simeone, dipenderà dallo schieramento della Samp potrebbe optare anche per il 4 3 3  con dentro Gomez nel tridente al posto di Schelotto a centrocampo.
Mister Simeone intenzionato a fare  la gara sulle corsie laterali con la spinta da dietro di Alvarez, preferito a Potenza e Marchese, lasciando il compito agli altri due centrali  argentini Spolli e Silvestre di togliere il fiato… agli attaccanti della Doria.

mosloadposition user4}

 
Samp: Di Carlo signore in campo e fuori ha salutato la Samp con queste parole:
“Poche parole per esprimere i miei più sentiti ringraziamenti alla società U C Sampdoria.  Ho grande rammarico per non aver potuto portare a termine un progetto in cui ho creduto fin dal principio. Purtroppo il programma iniziale ha subito molte variazioni   e non c'e stato il tempo per ricostruire un cammino nuovo a seguito dei cambiamenti avvenuti”.
Cavasin alla Borghesiana studia qualcosa di diverso rispetto al passato.
Prova schemi moduli, tattiche , ma prima di decidere dovrà fare i conti con gli infortuni, le squalifiche e gli affaticamenti visti contro il Cesena di qualche protagonista doriano.Ai box Koman, Ziegler, Semioli, Pozzi, ma Biabiany, Tissone e Poli rientrati in gruppo non godono di una perfetta forma fisica.
Senza lo svizzero a sinistra potrebbe debuttare Lazco.
La formazione sampdoriana  dovrebbe giocare con il 3 5 1 1 , facendo mucchio davanti a Curci per portare via un punto, mai i rischi non sono pochi e allora Cavasin per non trovarsi impreparato ha messo in campo anche un 4 3 1 2 .
 Il primo obiettivo di Cavasin ,  mai  concedere spazi  e marcature blande alla colonia argentina sotto l’Etna;  il secondo,  non  lasciare campo agli avversari ai  sud americani abili nel palleggio e saltare l’uomo per creare superiorità numerica, efficienti nel cercarsi e battere  calci di punizione diretti dal limite  con tante modalità di tiro; il 3 obiettivo del nuovo tecnico della Samp le contromisure  sui palloni inattivi che spioveranno dentro l’area davanti a Curci, una specialità  siciliana e non dolce come una “cassata” per gli avversari, basta vedere gli ultimi dieci gol : solamente 3 su azione di giuoco.  
 
                                                             LINO MARMORATO