Stampa
03
Feb
2007

E'ORA DI FERMARE IL CARROZZONE DI QUESTO CALCIO. A 10 ANNI DALLA MORTE DI SPAGNOLO NULLA E' CAMBIAT

Pin It

scontri catania  foto dalla reteDai Tempi di Spagna che il calcio non si fermava, ma in questi dieci dalla morte di Vincenzo Spagnolo, sotto la gradinata Nord nel calcio non e’ cambiato nulla,anzi e peggiorato in tutti i sensi .
Dopo calciopoli avevamo chiesto la sospensione del campionato di calcio per un determinato periodo per scrivere leggi certe, per tutti, chi sgarra deve pagare con il codice penale, non con artifizi,dai Presidenti ai calciatori, ai tifosi.
E’ il momento che i Dirigenti Federali che comandano da oltre vent’anni si facciano da parte Presidente del Coni,Lega,Associazione Calciatori e allenatori.Occorre Dura presa dei calciatori attraverso manifestazioni concrete quando negli stadi scoppiano casini, ritornarsene negli spogliatoi, anche a rischio di perdere la partita.

Per fare vedere che il calcio italiano non è in mano ai teppisti,gruppi politici organizzati alla guerriglia, probabilmente fuori dagli stadi e non dentro, non bisogna fermare il campionato, ma dare una risposta subito dura e convincente, mi dispiace lo dico con amarezza, che di mezzo ci vadano i tifosi del Catania le persone serie siciliane, occorre subito la retrocessione a Tavolino degli Etnei.

Non serve fare un’altra legge Pisano, andando in giro per l’Italia è rispettata solo a Genova al Ferraris, la presa dei fondelli dei biglietti nominativi non esiste da nessuna  parte, il posto a sedere nominativo neanche.
E’ uno show, andare negli stadi che hanno gabbato la legge, portando gli spettatori sotto i 10.000 la capienza, ci piacerebbe una volta contarli.
Dispiace dire tutto ciò quando c’e’ un’altra famiglia che piange, ma è l’ora di finirla. I campionati si sono fermati la speranza che adesso non ci sia il solito sciacallaggio di politici, psicologici,uomini da talkshow.
Il calcio si è fermato adesso bisogna oscurare è compito dei telespettatori, tutte le trasmissioni, organizzate con urlatori a comando per fare audience e non solo a livello nazionale, ma anche a livello regionale.

E’ l’ora di finirla con il calcio gossip,la moda applicata al calcio,giocatori che fanno da  modelli,veline in primo piano , pettegolezzi,giornali sportivi che non parlano più di calcio e tromboni che esprimono giudizi non sapendo se il pallone è rotondo o quadrato.
Il calcio ritorni sui campi,basta seminare vento perché si raccoglie tempesta.
                    

            www.nostalgia.it     Lino Marmorato