Stampa
05
Nov
2007

FINALMENTE A CAGLIARI UNA SAMPDORIA GRINTOSA

Pin It

VINCE LA SAMPDORIA GRINTOSA A CAGLIARI
L’obiettivo della squadra blucerchiata dalla partenza di sabato per la Sardegna era solo uno resistere, e dimostrare di esistere.
La parola d’ordine cancellare la prestazione contro il Milan.
Ha resistito 30’ minuti con il Cagliari, ma appena Volpi, da vero capitano ha messo dentro il pallone dell’uno a zero con un gran gol  la Samp  ha ritrovato fiducia nei propri mezzi, andando a segno ancora due volte con Caracciolo, che vola finalmente al suo primo gol in campionato e Maggio.
Le scorie delle 5 sberle milaniste d’incanto sono finite e la squadra di Mazzarri,  ha controllato il gioco fino alla fine.
Non è l’esame di maturità della squadra blucerchiata, perché qualcosa di suo lo ha fatto Mister Giampaolo .Il tecnico rossoblu ha sbagliato formazione, partire in casa,contro la Samp psicologicamente non al meglio, con una sola punta l’ha fatta grossa, anche se sulla piazza è considerato uno degli allenatori emergenti che da gioco e organizzazione alle proprie squadre.
Questo non vuol dire che la vittoria della Samp non sia meritata, ma sabato contro l’Empoli al Ferraris  si  avrà la possibilità di verificare se la Samp ha superato la crisi.
Mazzarri all’inizio ,contano poco i numeri dei moduli, conta  invece la  disposizione sul campo dei calciatori ,con  Zenoni basso in difesa e  Maggio davanti a destra,  a sinistra Pieri e Franceschini, la Samp era più quadrata e copriva meglio tutti gli spazi sul terreno di gioco, dando anche la possibilità a Volpi di utilizzare le sue qualità di regista e non solo di interditore, coperto da Sammarco.
Mazzarri facendo di necessità virtù, viste le assenze,  ha vinto una gara importante, ne vincerà altre se avrà capito che il suo modulo prediletto per adesso non è attuabile,gli mancano i classici esterni in grado di dare l’apporto offensivo.
Importantissimi i 3 punti della Samp conquistati al S.Elia soprattutto per l’ambiente blucerchiato.

IN COLLABORAZIONE CON RADIO NOSTALGIA

Lino Marmorato