Stampa
21
Mar
2010

FIORENTINA GENOA. SCACCO MATTO AL VECCHIO BALORDO

Pin It

Fiorentina Genoa 3 a 0. Scacco matto di Prandelli a Gasperini. La Fiorentina in campo dall’inizio con il  modulo tattico 4 4 2  e con due esterni Pasqual e Gobbi  sulla corsia di sinistra  in 4 minuti ha vinto la partita. Al secondo affondo gigliato  Mesto messo  nel mezzo daidue giocatori ,  ha perso Gobbi :  pallone al centro e gol di Santana di tacco.
La partita tra Fiorentina Genoa è tutta in questi primi quattro  minuti di giuoco.
Gasperini come i suoi giocatori è andato in apnea di idee ed ha lasciato per tutto il primo tempo ed alcuni minuti del secondo il centrocampo in mano ai giocatori gigliati.
Gasperini contro Prandelli considerato che il Genoa era sotto scacco nei primi minuti  non è riuscito a parare e fare la contromossa catturando i giocatori che gli stavano dando scacco: Pasqual e Gobbi sulla corsia di sinistra.
Mesto messo nel mezzo ballava, Sokratis troppo preoccupato dalle giocate di Jovetic non era mai pronto ad aiutarlo e Palacio in difficoltà nella fase difensiva.
La domanda più semplice senza cambiare le pedine in campo  perché Gasperini non ha spostato il finto centravanti Sculli sulla corsia laterale destra e spostato Palacio a centro dell’attacco ?
Ad inizio ripresa Gasperini intorno al 15’ del secondo tempo ha fatto la prima mossa della partita facendo uscire Milanetto, tante perplessità, ma subito capite quando il Genoa  con l’entrata di Suazo per Palacio  si  è schierato con il 4 2 3 1 : occorrevano due  incontristi (Zapater più Juric).
Il Grifo prendeva in mano il pallino del giuoco ma era vulnerabile nel contropiede e JoJo Jovetic l’ha punito  procurandosi un calcio di rigore, causato da Amelia in uscita.
 2 a 0 : partita finita, tanti rimpianti .
La fanfara  delle critiche non suonerà a morto perché  bruciata  dalle altre esperienze dopo la caduta del Grifo, i cultori del  primo non prenderle e secondo pareggiare in trasferta apriranno libri , microfoni e  spingeranno dita al silicio giustamente o ingiustamente .
Ma la gara Fiorentina Genoa andrà agli archivi con il Grifo schierato a tre punte che non effettua un tiro in porta e batte due  calci d’angolo  di cui il secondo al 40’ del secondo tempo.
Per l’Eurovisione rossoblu   nulla è perduto , ma la prima cosa da fare domani alla ripresa dei lavori al Pio mettere sotto teca Marco Rossi: il Vecchio balordo targato 2009/2010 è dipendente dalle diagonali   del suo Capitano.
Mercoledì arriva il Palermo che ha pareggiato con l’Inter è l’occasione giusta per ripartire anche se mancheranno Sokratis e Juric in squalifica , ma  ci sarà Marco Rossi.
 L’ultimo pensiero.  Quando vinci tre reti incassate passano in seconda linea, quando perdi fanno pensare : 3 gol incassati a partita non portano in Europa.