Stampa
18
Mag
2009

FIORENTINA SAMPDORIA 1 A 0. SCONFITTA ANNUNCIATA

Pin It

In questa fase della stagione le motivazioni fanno la differenza, normale quindi che la Sampdoria, dopo la finale di Coppa Italia persa, non avesse chissà quali stimoli per far bene, ma la Samp “due” qualcosa in più poteva avere e dare , la Coppa Italia l’avevano vista dalla panchina.
Fiorentina-Sampdoria non verrà sicuramente annoverata tra le gare più ricche di emozioni della stagione viola.La partita con la Samp, risolta nel primo tempo, è andata via piuttosto liscia contro una squadra che aspetta solo di andare in vacanza, anche se il fatto di non aver segnato il secondo gol ha regalato qualche brivido di troppo alla Fiesole, come quando nel finale Frey ha dovuto salvare sulla punizione di Ziegler, al 80’ di gioco.

La Samp, provata nel fisico e nel morale dopo la sfortunata finale di Coppa Italia a Roma, si presenta al Franchi con molte seconde linee. L’atteggiamento dei doriani non è stato  quello di chi vuole regalare qualcosa, e  la professionalità va sottolineata ed elogiata, ma si è anche capito le motivazioni dei tre flop stagionali della squadra di Mazzarri.(una sola azione degna di nota non di gol al 60’ di giuoco).
La Samp a Firenze ha ripetuto la sua stagione: difesa ferma,  bloccata  sul gol di Gilardino: ormai chi gioca gioca nelle difesa a tre di Mazzarri prende gol, e successo regolarmente in tutto il 2009 fuori da Marassi, senza che il tecnico di Livorno facesse  modifiche alla sua fase difensiva; l’  altro ritornello avere Pazzini e mai metterlo in condizione di ricevere un pallone giocabile o un cross da destra o sinistra per sfruttare le sue capacità aree di anticipo sui difensori avversari.
Dopo il gol dei viola probabilmente  la Samp non ha potuto reagire,  il caldo 30° gradi l’ha fatta da padrone e la stanchezza ha impedito una probabile reazione, e  la gara a ritmi bassissimi a favorito la qualità dei gigliati.

Adesso l’impegno fastidioso della Samp , in una partita giocata molto sugli spalti e sui risultati che arrivavano da Genova , è finito .Adesso la speranza che gli ultimi  180 minuti di gara possono essere onorati per una tifoseria che non li ha abbandonati neanche a Firenze.
Con Udinese e Palermo le ultime due gare la Samp dovrà trovare il cambio passo, non giocare sottoritmo e con un altro pressing, inesistente al Franchi.
Con la viola salviamo con la sufficienza risicata   :Mirante, Padalino, Ziegler, Marilungo,  Dessena, ma gli altri sono partiti con una marcia bassa  e non l’hanno mai cambiata.
Samp:  12ma posizione in classifica, con Napoli e Siena che inseguono ad un punto;  la decima  posizione ,quella che potrebbe rendere meno amaro il campionato attuale  dal punto di vista economico e quello futuro del 2010, quando si divideranno gli euro anche in base alla classifica, è a tre  punti Lazio a 47: potrebbe essere   una buona motivazione superare i biancocelesti in classifica per tanti motivi.
Dopo ripartire subito, il prossimo campionato sarà senza alibi europei.