Stampa
21
Feb
2011

FIORENTINA SAMPDORIA. UN PUNTO CHE FA MORALE PER IL DORIA

Pin It

Fiorentina Sampdoria 0 a 0 .  La Samp torna a Genova con il punticino che voleva. Buona la reazione dei blucerchiati al derby infrasettimanale perso male . La Samp si porta a casa un punto che fa morale e muove la classifica, dopo cinque sconfitte esterne consecutive
Gara tatticamente bloccata con la Fiorentina che ci ha  provato di   più della Samp sprecando con Gilardino , ma nel  finale i doriani   avrebbero potuto provare a fare il colpaccio, avendo più birra  in corpo, peccato che si sono accontentati del pareggio.
Partita mai  decollata sul piano del giuoco.  I titoli sono tutti:   la Fiorentina sbatte contro il muro della Samp , la Linea Maginot dei blucerchiati tiene, solamente perché saggiamente Di Carlo ha optato ha schierare la squadra non solamente con un   centrocampista in più lasciano fuori Macheda, ma anche scegliendo giocatori di gamba schierati nelle precedenti partite  tutti sugli esterni. Guardando la partita la Samp non ha fatto il catenaccio che tutti descrivono e si contato almeno 6 azioni importanti  da quasi  gol con Palombo, Dessena, Biabiany(ha sprecato la più ghiotta), Maccarone e Ziegler(la più bella da posizione impossibile).
E’ un modello tattico  che Di Carlo non proporrà volentieri , facilmente,  ma tutti i mezzi per uscire dalla crisi sono  leciti per raggiungere alla svelta la quota salvezza. La  Fiorentina, con Marchionni e Mutu alle spalle di Gilardino, rispetto alla Samp ha tenuto solamente  in più  il possesso pallone  grazie a  Montolivo,  la Sampdoria complessivamente  solamente    limitata  a tamponare quando ripartiva  Maccarone è troppo isolato, considerato che  Guberti  non giocava da trequartista o attaccante aggiunto facendosi   spesso assorbire in fase difensiva , fino a quando non ha capito che la Fiorentina era viola e non rossa sgargiante. 
La difesa,  per molti,   a tre difensori  solamente perché Ziegler accorciava bene su Marchionni trequartista centrocampista ,  orfana di Lucchini e Zauri ha retto , Mutu  ha faticato  e trovare gli  spazi ,  mancando   lo spunto negli ultimi 18 metri, grazie alla compattezza blucerchiata.
Nel fortino di Di Carlo si sono esaltati Palombo,  i difensori ,e  il migliore in campo Ziegler. Una  lode a Maccarone veramente solo a combattere con 3 o 4 difensori toscani.
Macheda in tribuna, la speranza che gli sia di insegnamento e non di lezione, la Samp per fare gol ha bisogno del suo talento da premier league sotto rete, perché Biabiany è bravo ma non vede e non sente la porta come gli succedeva a Parma e con l’ Inter, fare l’attaccante è un ruolo che non predilige.