Stampa
11
Set
2011

Genoa Atalanta 2 a 2

Pin It

alt Dopo la Notte Bianca di Genova, il pomeriggio nero , anzi grigio grazie al risultato, del Genoa. Spettatori paganti3.417, abbonati 16.500, il 90% non si è divertito del pareggio , giusto, tra Genoa e Atalanta per 2 a 2 . Che i campionati

 di Malesani iniziassero in salita quasi in apnea, per chi lo conosce non è stata una novità, ma che il Genoa dopo due mesi dall’inizio dei lavori in Austria si presentasse senza un’identità ed assetto tattico è stato difficile da comprendere.

Anche se al sistema di giuoco oggigiorno viene attribuito un valore tattico addirittura determinante per i successi di squadra, la mancanza totale di un assetto da parte del Genoa nel primo tempo contro gli orobici ha dimostrato che una particolare sbagliata diposizione dei calciatori sul terreno di giuoco può incidere sul “modo di muoversi” sul terreno della squadra stessa. Tutti i giocatori del Genoa dopo essere andati in vantaggio dopo 10’ di giuoco sono stati in balia degli avversari. Perché ? Colpa del mancato utilizzo delle caratteristiche generali tecnico-tattiche dei giocatori a diposizione? Colpa di non aver mai visto i filmati . della new Atalanta nata dopo la sentenza del calcio scommesse ? Superbia non aver considerato che un piccoletto (Moralez) , ma non solo Lui , un gigante (Denis) potessero mettere definitivamente a nudo le pecche del centrocampo e della difesa , viste nelle esigue amichevoli o gare ufficiali giocate?

Sono tutte domande che vengono in mente alla fine di Genoa Atalanta, alle quali dovrà dare una risposta Malesani. Preziosi con la bava alla bocca dopo il primo tempo dei rossoblu alla fine della partita non le ha mandate a dire a Malesani, dichiarando: “ il primo tempo è stato da una squadra da oratorio”. Questo non vuol dire che Malesani è in discussione . Malesani , lo abbiamo annunciato da lungo tempo, (Luglio) ha bisogno di tempo per far carburare la squadra, ma dopo la gara contro i bergamaschi avrà capito che già da martedì bisognerà cambiare la rotta della navicella rossoblu ricordandosi il suo passato sulle panchine di Fiorentina e Parma . Nelle prossime giornate aspettando che la qualità degli ultimi giocatori rossoblu entri in sintonia con il calcio italiano, potrebbe optare per un altro modulo più prudente in grado esaltare meglio i singoli.

Diamo i numeri: contro l’Atalanta , dopo il 4 4 2 del primo tempo che è stato in mano degli avversari per 35’ dopo il gol di Veloso , il 4 3 3 del secondo tempo, andato meglio, potrebbe ritornare al suo 3 5 2 del vecchio millennio utilizzato con Fiorentina e Parma . Un modulo che non aveva e non avrà un particolare significato determinante per quanto riguarda le capacità di sviluppo del giuoco in fase offensiva e difensiva , ma che permette un particolare schieramento (modo di muoversi), ossia rapporti che devono stabilirsi tra i singoli calciatori in relazione all’uomo in possesso del pallone ed al conseguente comportamento degli avversari: tutte caratteristiche mancate e neanche accennate dal Grifone contro l’Atalanta. Il modulo per Malesani è relativo, il tecnico dovrà essere bravo alla svelta e scegliere un sistema di giuoco con attribuzioni di compiti e funzioni particolari cercando di utilizzare le caratteristiche, fisiche, tecniche e tattiche dei giocatori a propria disposizione.

Ai margini della partita , si è capito che Giovanni Battista Perasso detto Balilla è ancora vivo nella Gradinata Nord. Sono d’accordo con il “che linse” di Roberto Scotto contro il “calcio moderno , che è solo Tv , soldi e faccendieri”, non sono d’accordo sugli altri striscioni in sindacalese perché la serrata del calcio , non era solamente colpa dei giocatori del Genoa. Che linse , che si incominci , a cambiare il calcio è giusto, con un solo piccolo contributo, che non è una raccomandazione: ognuno rispetti i propri ruoli cercando di non suscitare risentimenti da parte di nessuno. A proposito, non è pubblicità, un contributo. Negli ultimi anni, considerato che le virgole, i punti, i toni, le parole nel mondo Genoa sono sempre più importanti e danno luogo ad interminabili discussioni , Radio Nostalgia ha deciso di mettere in onda sul proprio sito Nostaglia.it, (cliccando programmi successivamente sport interviste del Genoa) le conversazioni integrali di tutti i protagonisti rossoblu rilasciate ai microfoni dei media.

Allora, un n caldo invito a chi vuole entrare in dibattiti , prima di azionare penne e dita, le ascolti integralmente : potrebbe essere utile ascoltando domande e risposte. ( Lino marmorato)