Stampa
06
Ott
2008

GENOA BATTE NAPOLI BELLISSIMA PARTITA D' ALTRI TEMPI

Pin It

Genoa Napoli 3 a 2 .Bellissima partita da altri tempi con gol, espulsioni, scarso tatticismo,voglia di vincere da  entrambe le parti  : un spot per tutti coloro che magnificano il calcio inglese. Ferraris non esaurito per colpa di assurde leggi, ma perfetto per uno spettacolo del genere.
Ha vinto il Genoa perché è una squadra che fa del gioco un valore  aggiunto,un gioco che quasi sempre è espressione del gruppo,del lavoro, di un lungo addestramento, degli schemi,  ma anche della partecipazione e della disponibilità di tutti i giocatori. Un calcio corale, che sceglie sempre le strade più complicate, ma belle per arrivare alla vittoria.
Il Genoa è un gruppo consolidato che a Marassi non lo spaventa più nessuno e se riuscirà ad non aver incertezze anche fuori casa potrà levarsi delle soddisfazioni.  Ormai anche la rosa del Vecchio Balordo è di primo ordine,altrimenti non si battono anche tra  le mura amiche Milan,Roma e Napoli. Queste tre partite hanno dimostrato che per vincere non bastano undici campioni: ne serve un numero superiore.
Sokratis, Bocchetti,  non hanno fatto rimpiangere i titolari, Jankovic arriverà è in ritardo sui schemi di Gasperini per tutti gli altri ,ha ragione Gasperini, tutti  da 10 in pagella. Delle citazioni particolari per: Rubinho , sempre criticato, ma ormai stabile sul podio dei portieri del campionato, Sculli ,da qualcuno mal visto, è l’uomo della svolta tattica del Genoa di Gasperini.Il giocatore riesce a dare equilibrio a tutta la squadra giocando in diversi ruoli, dicasi lo stesso per Capitan Rossi.
Alle spalle di questi giocatori ci sono tutti gli altri ma con qualcuno che cresce di partita in parta: Sokratis il filosofo greco del calcio di Gasperini, Bocchetti  in crescita tattica ,deve limitare l’irruenza e con loro l’altro under 21 Criscito,che deve qualche volta lasciare  gli sfarfallamenti a danno della concentrazione;  sono 3 under 21 è questa potrebbe essere una  vittoria in  più,  importante per  Joker contro il Napoli: il Genoa del futuro.
Milito mancano gli aggettivi è il centravanti più completo del campionato , è il “Gormiti” che mancava al Luna Park del Genoa per far divertire le persone neutrali e i suoi tifosi.
Finita la partita tutto il bel gioco,l’agonismo, si è perduto nelle moviole; giustamente Dondarini l’arbitro  non è un’incapace ma sembra frastornato dagli avvenimenti che lo coinvolgono nel Tribunale di Napoli.
Ha sbagliato da ambo le parti ma i suoi errori sono stati l’occasione per i piagnistei del Direttore Generale Marino ed anche di Reya, che da uomo consumato di calcio dovrebbe aver capito che il suo 3 5 2  è superato:  sia che sia  in vantaggio o in svantaggio;  ricorrere sempre al passaggio lungo per scavalcare  il nutrito centrocampo di genoani e partenopei, ma  se hai  giocatori che hanno difficoltà a muoversi senza pallone , non serve !
Le statistiche prima che il “Ciuccio” perdesse l’imbattibilità in questo campionato dicevano: 12 tiri in 5 gare , 6 reti all’attivo, 11 punti in classifica; ma essere cinici nel calcio alla lunga non è un’arma vincente.

Lino Marmorato