Stampa
22
Set
2011

Genoa Catania 3 a 0

Pin It

ALTDoppietta di Palacio e Costant. Grifone primo in classifica in coabitazione con Udinese Juventus. Genoa brillanteche ha vinto attraverso la qualità dei suoi giocatori perché la quantità è in ritardo di condizione. Tanti giocatori in piena forma Palacio capitano goleador e Veloso su tutti , ma i

l Genoa che per tre giorni si godrà la testa della classifica ed i due indici della mano alzati al cielo in segno di numeri uno di Malesani è sempre un cantiere , come predica il tecnico di Verona, ed è al momento al 70% delle sue potenzialità in attesa di abbinare, come detto in precedenza qualità e quantità in arrivo con le prossime giornate di campionato. In Genoa Catania si è vista la mano di Malesani , i suoi allenamenti, con poche partite ufficiali, ma pignoli nella ricerca dei particolari che dovrebbero fare la differenza nel proseguo del campionato.

Malesani non è un “pitagorico” preso da diagonali e meccanismi del calcio moderno , ma un tecnico che insegna calcio, avendo idee di giuoco, con mentalità non troppo difensiva e quando avrà raggiunto con la squadra ritmi più alti farà divertire. Il calcio per Malesani è anche uno sport individualista ,quando hai i giocatori a disposizione, ma soprattutto un giuoco di squadra che parte dallo spogliatoio dalle sue battute che lasciano il segno. Contro il Catania si sono visti i principali dogmi dell’allenatore: azioni con palloni terra, con rapido attacco della profondità e tutto avviene più facilmente con Veloso sempre più continuo nel ruolo del tessitore. In questo periodo Malesani completerà il processo di trasformazione di Jorquera da fantasista sudamericano a regista alto del centrocampo rossoblu per vedere completato il suo puzzle.

Un altro principio di Malesani anche se tutti erano presi dalle giocate del “Futbol de toque” dei centrocampisti e di Palacio, è emerso in fase difensiva. Contro il Catania non ci è stata una difesa migliore , ma un più vantaggioso atteggiamento difensivo, con tutta la squadra che si è applicata nella fase di contenimento trovando un equilibrio maggiore , crescendo con il tempo grazie al lavoro di gruppo fatto fin dai tempi austriaci. Tutta la squadra ha fatto pressing e non si è aspettato più l’avversario concedendogli una grande fetta di campo, lasciando i centrocampisti avversari di fornire le ripartenze o contropiedi in tutta tranquillità. Potrei continuare , ma non ho voglia di tediare nessuno, perché ho la coscienza di vedere messo in atto da parte di Malesani quello che ho scritto dal 5 luglio e sono contento che non erano tutte “belinate”, come per qualcuno, che giudica il lavoro degli altri attraverso sensazioni e non come lavoro di cronisti che cercano di stare sul pezzo seguendo da vicino i lavori in corso della band Malesani. Sono 17.500 gli abbonati ,più di ventimila le presenze nel Tempio roboante sotto la regia della Nord, ma una assenza si è notata quella del Joker… ( LINO MARMORATO)