Stampa
24
Apr
2012

Tutti contro il Genoa

Pin It

alt D'accordo è stato violato il bene più prezioso : la maglia. Può darsi che in molti dentro lo stadio, non essendoci stata particolare violenza , abbia condiviso la protesta degli ultras,ma nessuno hai mai pensato di offendere e mandare all'aria l'amore per la

maglia a quarti, la piu' vecchia del calcio italiano. La protesta è stata unica, spontanea, non organizzata ed eccessiva, vista per la prima volta su un campo mondiale, ma è poi finita per l'amoredella maglia da parte di tutti, che hanno capito che l'umiliazione non poteva neanche essere data ai calciatori , anche se qualcuno di loro con le loro prestazioni in questo campionato non l'ha rispettata, con carattere sopperendo al basso valore tecnico visto in campo. La protesta è andata sopra le righe, ma sopra le righe è stato anche il modo di giudicarla da parte dei media nazionali, paragonandola senza fare i giusti confronti con la notte di Italia Serbia. Il giudizio a freddo e non a caldo ha permesso a tanti organi pubblici di sfuggire dalle loro responsabilità. 2 giornate di squalifica con il Ferraris a porte chiuse non sono congrue con quello visto tante altre volte dentro e fuori ad altri stadi italiani. Con il Genoa di mezzo la casistica non vale mai. La presa di posizione della Figc, con una convocazione del Consiglio straordinario per Venerdì, gli atti

 

richiesti dalla Procura Federale, le parole al Vento di Petrucci ,dimostrano che quando c'è di mezzo il Genoa e Preziosi non sono mai ...pilateschi, anzi punitivi a priori. La speranza è che non arrivino altre sanzioni a società e giocatori, visto quello che è accaduto in passato contro il Vecchio balordo. Individuati undici ultras autori della protesta. Non ci voleva Arsenio Lupin erano a volto scoperto.

Parliamo di Calcio: De Canio ha diretto il primo allenamento fatto più di parole che di calcio. Mesto e Rossi squalificati contro il Milan. Formazione e tattica tutta da vedere domani alle ore 18 a S.Siro. Arbitra Gervasoni di Mantova. Il Lecce di De Canio lo scorso anno ha giocato tatticamente a strappi. Ha alzato ed abbassato Jeda ed Olivera tra mediana e trequarti, adattandosi alla partita ed agli avversari. Tante variazioni senza mai allontanarsi troppo dal 4 2 3 1 . Malesani 1 e 2 e Marino non sono mai riusciti a trovare giuoco ed amalgama che sarà difficile ancora trovare in questo campionato, De Canio sarà bravo se riuscirà, anche con l'aiuto dei fatti di domenica scorsa a trovare stimoli e motivazioni elevati.
( lino marmorato)